A- A+
Roma
Droga di Hitler, al Quadraro ne vanno pazzi: sequestrate 31mila dosi letali
Foto: LaPresse

Un arresto, 5 indagati e il sequestro di 31 mila pasticche di metanfetamina comunemente nota come Yaba, “droga della pazzia” o “droga di Hitler”, sono il bilancio di un'operazione dei carabinieri di Venezia tra Mestre e Roma.

 

L'Arma nel corso di una perquisizione domiciliare a carico di 6 bengalesi, hanno trovato nella casa di uno di essi, nel quartiere Quadraro di Roma, le 31 mila pasticche (valore oltre 200.000 euro). Altre 25 pasticche sono state rinvenute invece a Mestre. Si tratta del più ingente sequestro di questo tipo di stupefacente in Italia. L'uomo trovato con la droga, è finito nel carcere di Regina Coeli.

La Yaba è una potente miscela di metanfetamina e caffeina a basso costo che induce nel consumatore un forte stato di euforia, effetto che, una volta svanito, si tramuta in una profonda astinenza, la quale, se non soddisfatta con nuove assunzioni, può portare a stati d'ansia, depressione e, nella peggiore delle ipotesi, al compimento di gesti estremi, provocando danni irreversibili al sistema nervoso centrale.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    droga di hitleryabadroga dei pazziquadrarocarabinieridrogasequestro droga



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
    Boschiero Cinzia
    Unioni civili, l'iter da seguire se si vuole divorziare
    di Avv. Francesca Albi*
    Svizzera, sì al Green Pass: il golpe globale del regime sanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.