A- A+
Roma
Ecopass Roma: la Giunta M5S nasconde una “macchina da soldi” per il Comune

di Fabio Carosi

Ecopass Roma, dietro l'ordine del giorno, sospesa per mancanza del numero legale e poi ritirata prudentemente si nasconde il piano del Comune di Roma M5S per rivoluzionare il sistema della mobilità e dei trasporti.

Spiega ad affaritaliani.it una gola profonda del Campidoglio: “Basta leggere la proposta di ordine del giorno di iniziativa consiliare firmata da Stefàno, Agnello e Calabrese per capire che si tratta sostanzialmente di una scatola vuota che però nasconde il vero progetto: quello di dare il via libera alla creazione di una società comunale ad hoc con la quale attingere ai fondi europei per finanziare la serie di “caselli elettronici” con i quali creare la super area a pagamento che coincide più o meno con l'Anello ferroviario”. Insomma, una nuova società, che al termine dei cantieri costosi per via dell'elevato numero di “varchi” da installare ma di fatto una cassaforte alimentata quotidianamente dai ticket e poco onerosa dal punto di vista gestionale per via dei bassissimi costi di manutenzione di un sistema di varchi che funziona grazie a software e megaserver: una volta installati e testati hanno costi di manutenzione ridottissimi.

Dunque, una macchina mangiasoldi in grado di generare flussi di cassa superiori a quelli della sosta a pagamento e con pochissime risorse umane nella colonna dei costi. E il gettito? Semplice: andrebbe a finire nella casse comunali per finanziare l'acquisto di nuovi bus e magari per pagare le spese di progetto di tram e forse metropolitane.

La Ecopass Spa, di proprietà al 100% del Comune avrebbe persino i numeri per una quotazione in borsa e soprattutto la naturale propensione ad inglobare la sosta a pagamento, attualmente affidata ad Atac, che sino ad oggi l'ha usate per evitare il tracollo finanziario grazie alla liquidità finanziaria quotidiana. Insomma, la Ecopass Spa sarebbe una “società miracolo” con incassi altissimi e costi risibili al livello di una concessionaria di autostrade. Un gioiello che fa gola al Movimento Cinque Stelle, un po' meno ai romani costretti a pagare non solo il parcheggio nell'anello ferroviario ma anche il transito.

Gli unici ad accorgersi delle potenzialità del progetto sono alcuni esponenti del Pd, e da qui le barricate in Consiglio Comunale e il tentativo riuscito di bloccare l'ordine del giorno “cavallo di Troia” e cercare di arrivare ad una revisione del testo, almeno condiviso e trasparente.
E i tecnocrati della Mobilità a Cinque Stelle? Hanno capito due cose: primo che per portare a casa il progetto ci vogliono più di 3 anni e poi che senza un trasporto pubblico dignitoso, la congestion charge solleverebbe la città. Praticamente un progetto di mobilità sostenibile socialmente insostenibile.

SCARICA E LEGGI il provvedimento Ecopass ritirato

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    ecopassecopass spacongestion chargeanello ferroviarioticketsocietà autostradecomune romaatacm5s



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Italia nazione più colpita in Europa dal traffico di identità digitale
    Con Enrico Letta c’è il futuro verde del PD e dell’Italia
    Mauro Buschini*
    Riforma Fiscale 2021: cosa cambia davvero per le imprese?
    Gianluca Massini Rosati


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.