A- A+
Roma
Edilizia, ristrutturazioni e impianti in Italia: ecco dove stiamo sbagliando

Edilizia, ristrutturazioni e impianti, a Roma e in tutta Italia, dove stiamo sbagliando? Il settore delle ristrutturazioni non vive certo un momento felice. C’è chi però vuole fare la differenza, e ci riesce.

 

Ogni anno i cittadini italiani spendono oltre 30 miliardi di euro nelle ristrutturazioni, è un fatto però che la cattiva edilizia stia deturpando, anno dopo anno e inesorabilmente, il nostro territorio. Molte le notizie recenti che riportano gravi danneggiamenti a edifici risalenti alle più disparate epoche. I responsabili sono troppo spesso lavori di ristrutturazione non a norma, impiantistica errata e valutazioni tecniche inattendibili. Una vera e propria epidemia dell’inefficienza edile, senza contare i dati impressionanti sulla presenza ancora radicata - nel tessuto urbano e non solo - di materiali altamente tossici come amianto ed Eternit. I rischi per la sicurezza si rivelano anche in questo caso inestimabili, ed è certo venuta l’ora di un cambiamento radicale. Che si tratti di strutture pubbliche o private, di luoghi domestici o edifici adibiti al transito o al lavoro, si richiede ora più attendibilità ad un settore nell’ambito del quale dovrebbe essere irrinunciabile.

La strada da imboccare è quella della responsabilità

Accertarsi che le imprese di costruzione attive sul mercato operino nel completo rispetto delle norme vigenti in materia di sicurezza costituisce di certo il primo passo per rendere i nostri centri abitati luoghi più sicuri. L’attenzione alla manutenzione ordinaria e straordinaria dell’impiantistica è altresì una necessità imprescindibile per evitare prematuri e imprevisti deterioramenti. Per ultimo, ma non in ordine di importanza, la necessità di bonificare strutture, impianti e componenti edili che presentino nella loro composizione materiali nocivi per la salute di chi viva nelle loro prossimità.

Abbiamo chiesto un parere al riguardo agli esperti della ditta RIS S.r.l., che da anni si occupa sul territorio romano di ristrutturazioni, installazioni, bonifiche, impiantistica e manutenzione. I professionisti in questione si dicono dello stesso avviso di chi scrive: “è necessario un cambio di rotta e la nostra azienda è mossa dall’ambizione di fare la differenza in quello che più che un settore professionale ha preso ormai le sembianze del Far West.” Come è possibile un tale “miracolo di eccellenza” da parte di un’azienda che opera sul medesimo territorio che danni è martoriato dall’inadeguatezza?

Gli ingredienti per una ricetta vincente sembrano essere pochi e semplici: un know-how che si è formato a partire dalla specializzazione nella fumisteria (impianti di immissione ed estrazione dell’aria, installazione e manutenzione delle canne fumarie); un’esperienza garantita in primo luogo dal successo riscontrato presso clienti sempre soddisfatti, a breve e lungo termine; l’ampliamento nel tempo di risorse, collaborazioni ed esperienza fino alla maturazione di competenze che oggi sono in grado di soddisfare ogni esigenza in ambito edile; la sicurezza dei propri clienti.

Su quest’ultimo punto è bene operare una precisazione. Nella pratica l’attenzione alla sicurezza non si traduce solo in una scrupolosa adesione alle norme in materia, più nello specifico infatti, ne sono una testimonianza la predilezione che da sempre quest’azienda riserva agli interventi di bonifica e smaltimento di materiali tossici; ai servizi di ispezione, perizia e manutenzione periodica degli impianti; alle analisi sulle emissioni e sugli ambienti climatici; all’installazione all’interno dei comignoli di sistemi antintrusione.

I luoghi della nostra quotidianità costituiscono una parte fondamentale nell’economia della qualità della vita di ognuno di noi e di cui siamo responsabili in primo luogo per noi stessi. Scegliere l’affidabilità è scegliere bene.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ediliziaerroreimpiantiitaliaris s.r.l.ristrutturazioniroma






Tre tunisini minorenni in fuga dal carcere romano di Casal del Marmo: scatta la caccia all'uomo

Tre tunisini minorenni in fuga dal carcere romano di Casal del Marmo: scatta la caccia all'uomo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.