A- A+
Roma
Emergenza siccità, Acea chiude i nasoni: i romani rispondono per le rime

Roma ostaggio di caldo e siccità, scatta l'emergenza idrica. Acea chiude gli storici “nasoni”, ma i romani rispondono, letteralmente, per le rime.

 

La caldissima estate romana attanaglia la città, tra afa e temperature record il termometro non lascia respiro. Una situazione di grande difficoltà per cittadini e turisti, ancora di più per gli agricoltori del Lazio. Una situazione resa insostenibile anche dai grandi sprechi d'acqua, ai quali il sindaco Raggi ha posto rimedio chiudendo gli storici nasoni. Tra mille polemiche Acea ha infatti ricevuto l'ordine di fermare l'acqua delle iconiche fontanelle romane, perché “colpevoli” di consumare troppa acqua. Una decisione sofferta e difficile, contro la quale si sono avventati tutti: dalle opposizioni politiche alla Croce Rossa, passando per le associazioni ambientaliste.

A scendere in campo contro Virginia Raggi non solo però le istituzioni, ma anche i cittadini romani che, con il solito concentrato di umorismo, rispondono per le rime. Su una delle fontanelle chiuse dal Comune ecco infatti apparire una brillante poesia, che, in dialetto romanesco, sembra interpretare i “pensieri” dello storico nasone. Ecco il testo che sta già facendo il giro dei sociale network, firmato “Er Bestia”: “Er sindaco Pianciano, er primo de Roma, me mise a 'sto monno pe da l'acqua bona. Dall'anni settana der milleottocento resto e resisto, cor sole cor vento. So' amanto e indiviato, non è certo un caso: co tutti i romani ce sto naso a naso...e voi me che me dite 'Sei zozzo e sprecone' sciacquateve a bocca, io so' er nasone!”.

Tags:
emergenzasiccitàaceanasoniromarispostarimastornello



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
MICHETTI: SARO' IL SINDACO DELL'ARMONIA
Green Pass obbligatorio, Italia avamposto del nuovo ordine terapeutico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Brunetta non va al Premio Socrate: c'è Palamara


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.