A- A+
Roma
Estradato il “re delle slot” Francesco Corallo: sequestrati beni per 200 mln

Estradato il “re delle slot” Francesco Corallo: maxi sequestro di beni per oltre 200 milioni di euro.

 

Torna sul suolo italiano il boss delle sale da gioco, arrestato durante la fuga a Saint Martin (Antille Olandesi) nel dicembre del 2016.  Francesco Corallo è ritenuto il principale promotore di un complesso sistema internazionale, che riciclava grosse somme di denaro illecito provenienti dal gioco d'azzardo. Un astuto gioco di trasferimenti all'estero permetteva di eludere il pagamento dei tributi erariali, che hanno fatto di Corallo il così detto “re delle slot”. Il vero e proprio capo di un sodalizio criminale, che ha coinvolto personaggi del mondo politico ed imprenditoriale italiano per guadagni da oltre 200 milioni. Attorno alla figura di Corallo figure già note agli investigatori, come il braccio destro Rudolf  Baetsen e l'ex parlamentare di An e Forza Italia Amedeo Laboccetta. Al centro delle indagini anche Sergio e Giancarlo Tulliani, suocero e cognato di Gianfranco Fini, che secondo l'accusa avrebbero aiutato Corallo a far sparire circa 4 milioni di dollari, mettendo a disposizione i propri conti segreti. Nell'occhio del ciclone il famoso appartamento di An di Montecarlo, acquistato da Giancarlo Tulliani attraverso soldi provenienti dalle società offshore di Corallo.

 

Corallo è così rientrato in Italia attraverso l’aeroporto di Fiumicino di Roma, e, dopo alcune formalità, sarà sottoposto agli obblighi di dimora e di presentazione alla polizia giudiziaria, nonché al divieto di espatrio. Per il re delle slot è inoltre scattato un maxi sequestro di denaro, conti correnti, quote societarie, beni mobili ed immobili. Il tutto per un importo di oltre 200 milioni di euro.

 

Tags:
slotgioco d'azzardofrancesco corallofiniestradizionesequestroromafiumicino



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Covid, il referendum contro il green pass è una pessima strada da seguire
L'OPINIONE di Diego Fusaro
PROGETTI PER LE CITTA’ E PER LA TUTELA DELLA VISTA
Boschiero Cinzia
Green Pass, Italia modello del golpe globale del Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.