A- A+
Roma
Fatta a pezzi in due valige, il cadavere è di una 18enne romana
Pamela Mastropietro, la ragazza uccisa a Macerata

È di Pamela Mastropietro il cadavere trovato nella mattina di mercoledì, fatto a pezzi in due valige abbandonate nelle campagne di Pollenza, nelle Marche.

 

La madre della ragazza aveva denunciato la sua scomparsa due giorni fa alla Stazione dei Carabinieri di San Giovanni. La 18enne si era allontanata volontariamente dal centro di recupero Pars di Corridonia, dov'era ospite, senza portare con sé né i documenti né il cellulare.

Secondo le prime indiscrezioni, i trolley contenenti il corpo smembrato di Pamela sono stati abbandonati intorno alle 23 di martedì sera. Nelle valige, il cadavere era nudo e le parti del corpo erano state ripulite dal sangue.

L'allarme per la scomparsa della 18enne era stato dato anche alla trasmissione Chi l'Ha Visto, ma senza risultati.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
valigepamela mastropietroomicidiocadaveredelittomarchemacerataroma



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Attenzione: Fisco sospeso solo a metà
LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
Di Ernesto Vergani
Vaccini obbligatori ai bambini, che cosa fare quando l'ex coniuge si oppone
di Avv. Maria Grazia Persico*


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.