A- A+
Roma
Finge 16 gravidanze per non lavorare, maxi truffa all'Inps: obbligo di firma

Truffa e falso. Per queste accuse, i carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro hanno notificato mercoledì mattina due obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria, disposti dal gip di Roma Mara Mattioli, nei confronti di una donna di 50 anni e del suo compagno accusati di aver commesso una maxi truffa all’Inps che andava avanti da anni.

 

La 50enne avrebbe inventato 16 gravidanze, tra il 2001 e il 2018, percependo assegni familiari per oltre 100 mila euro. A chiedere il provvedimento sono stati l'aggiunto, Paolo Ielo e il pm Carlo Villani, che, grazie alle indagini dei militari, hanno portato alla luce il "sistema" architettato dalla coppia.

La 50enne, che aveva rubato un blocchetto di certificati a una ginecologa, presentava le "carte" alla Asl al datore di lavoro, presentandosi spesso anche un "pancione" finto.

La donna ha dichiarato l’ultimo parto il 16 dicembre scorso ma i militari dell’Arma, che la tenevano d’occhio, l’avevano immortalata un mese prima senza alcun "pancione". Per il gip che ha disposto la misura cautelare dell'obbligo di firma, questo "sistema" di truffa era diventato per la coppia una "vera e propria regola di vita", tanto che per l’ultima presunta gravidanza, la donna aveva già chiesto e ottenuto il "bonus bebè". Per questo i due dovranno presentarsi in caserma per firmare tre volte alla settimana.

Commenti
    Tags:
    finta gravidanzaassegno familiarebonus bebègravidanzainpstruffa inpsobbligo di firma



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Covid, il referendum contro il green pass è una pessima strada da seguire
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    PROGETTI PER LE CITTA’ E PER LA TUTELA DELLA VISTA
    Boschiero Cinzia
    Green Pass, Italia modello del golpe globale del Leviatano tecnosanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.