A- A+
Roma
Fiorello si innamora nel Salento. La spiaggia è una catena

Buon sangue non mente. In casa Fiorello arriva una nuova mattatrice, Catena, sorella di Rosario e Beppe, con i quali condivide pienamente la straordinaria verve artistica. E se Rosario è un fuoriclasse dell’entertainment e Beppe un affermato attore, la femminuccia di casa si cimenta con grande successo in campo editoriale, dimostrando al tempo di saper padroneggiare la scena.
Per novanta minuti, mentre la Capitale era investita da un temporale dal sapore del tutto letterario, Catena Fiorello ha parlato a braccio della sua nuova fatica editoriale: “L’amore a due passi” (Giunti Editore), una storia d’amore fra due anziani sullo sfondo del Salento, delle sue suggestioni, dei suoi sapori e delle sue danze sfrenate, calde e sensuali.
La trama, ha raccontato l’autrice siciliana, è ispirata a una scena realmente avvenuta nel suo condominio durante un agosto caldissimo ed è stata sviluppata concedendo una nuova possibilità ai due “anziani” protagonisti, Orlando e Marilena.
Da anni Orlando Giglio, il temuto “Gendarme” del condominio di via Mancini numero 8, studia le abitudini della sua dolce ossessione, Marilena Moretti, nota in gioventù come “la Brigantessa”. La segue nell’esiguo tragitto tra l’ascensore e il portone del palazzo, la osserva mentre sale le scale e chiacchiera con i vicini di casa, aspettando il momento buono. Sono entrambi vedovi, entrambi soli, anche se hanno figli, durante una delle estati più torride degli ultimi decenni. Dovranno scattare due allarmi in piena notte e sbiadire i fantasmi del passato e del presente, perché Marilena accetti l’invito di Orlando a partire per un’avventurosa vacanza alla conquista del Salento. Ma cosa potrà offrire la punta estrema della Puglia a “due vecchie carampane” come loro? Riusciranno a superare incolumi la notte della Taranta, punti dall’entusiasmo di una giovinezza ritrovata? Catena Fiorello affonda la sua penna in un tradizione di scrittura che va dalla Sicilia alle favole orientali con esiti sorprendenti, dando vita una commedia frizzante e allegra.
Bette Davis parlando di “Che fine ha fatto Baby Jane” si disse sorpresa che qualcuno avesse voluto investire in un film con protagoniste lei e Joan Crawford, due “vecchie carampane” per l’appunto. Il film fu poi uno stratosferico successo. E il talento narrativo di Catena Fiorello lascia presagire lo stesso destino per il suo divertente e toccante libro.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
catena fiorelloeditorial'amore a due passigiunti editore



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Violenza donne, la maratona radiofonica che dà voce alla lotta agli abusi
L'opinione di Tiziana Rocca


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.