A- A+
Roma
Fisco beffato con residenza clochard: è scontro tra Giunta Gualtieri e Raggi

Fisco beffato con residenza clochard: è scontro tra Giunta Gualtieri e Raggi. Dall'assessore Andrea Catarci riceviao e pubblichiamo.

"Con la delibera “Nuove modalità di iscrizione presso l'indirizzo virtuale di Via Modesta Valenti in Roma”, approvata a fine marzo dalla giunta Gualtieri su proposta degli Assessori Funari e Catarci, presentata dopo un confronto di merito e un via libera da parte del Prefetto di Roma, si rende più snella ed efficace la concessione della residenza virtuale in via Modesta Valenti a “persone senza fissa dimora” in senso proprio e a “persone che vivono una situazione di obiettiva precarietà abitativa”, cioè senza tetto, senza casa e in sistemazione insicura per il rischio di violenze domestiche.

Con la nuova delibera si elimina l'obbligo di ottenere il "nulla osta" preventivo dei servizi sociali, che in parecchi casi si trasformava in un ostacolo insormontabile e in altri allungava di molto le tempistiche, provocando esclusione dall'accesso a servizi fondamentali come quello sanitario. C’è un'altra novità importante che facilita l’ottenimento di via Modesta Valenti: non sarà più possibile rifiutare l’iscrizione con la motivazione di dover prima cancellare la vecchia residenza. Non avviene così per gli ordinari cambi di residenza e d’ora in avanti non sarà così nemmeno per quelli virtuali.

"Abbiamo archiviato la delibera della Giunta Raggi"

In tal modo si è definitivamente archiviata la delibera dell’ex giunta Raggi del marzo 2017, a più riprese giustamente criticata dalle associazioni che operano sul terreno dei diritti e dell’assistenza agli Ultimi, tra cui Casa dei Diritti Sociali, Nonna Roma, ActionAid, A Buon Diritto. La portata delle trasformazioni è chiara a tutti ma non a chi aveva architettato il pessimo meccanismo precedente, cioè all’ex Sindaca Raggi, che insiste nel denunciare il rischio “di produrre quel sistema di assoluta anarchia che noi, con una delibera di Giunta del 2017, eravamo riusciti a bloccare attraverso il rigoroso controllo dei servizi sociali…che via Modesta Valenti avesse perso la sua vocazione originaria per diventare una vera e propria 'oasi' fiscale per migliaia di imprese, del resto, era già fatto noto a tutti sin dalle Amministrazioni antecedenti alla nostra.”

Tutte le falsità

Falso. Quello che sono riusciti a bloccare con il loro atto scellerato è stata la concessione della residenza virtuale a persone in stato di necessità, come denunciato da organizzazioni di volontariato, Enti di terzo settore, associazioni e reti di solidarietà. Per quanto riguarda il rischio di furberie ai danni dell’erario, per evadere ed eludere, al punto 6 della nuova delibera è scritto chiaro: non è consentito “l'accesso all'iscrizione in Via Modesta Valenti come sede di impresa individuale né come sede legale di società di persone o di capitali”.

Sarebbe stato semplice farlo prima, senza buttare il bambino insieme all’acqua sporca. Ma d’altronde il M5s ci ha abituato a tale logica, visto che non hanno voluto le Olimpiadi per paura di possibili ruberie senza pensare che avrebbero potuto più semplicemente agire per impedire irregolarità”.

Andrea Catarci, Assessore alle Politiche del Personale
al Decentramento , Partecipazione e Servizi al Territorio

Fisco addio, il trucco: prendere la residenza nella via virtuale dei clochard







Elezioni europee, capolavoro dell'ovvio del Pd Tarquinio: “La pace è meglio”

Elezioni europee, capolavoro dell'ovvio del Pd Tarquinio: “La pace è meglio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.