A- A+
Roma
“Fiumi e canali inquinati, turisti in fuga”. Legambiente lancia l'allarme

Fiumi e canali inquinati, turisti in fuga dal litorale. E' l'allarme che arriva da Legambiente Lazio, che presenta gli allarmanti risultati del nuovo monitoraggio delle acque.

 

La Goletta Verde dell'associazione ambientalista sbarca sulle coste del Lazio, denunciando l'allarmante situazione di foci e canali al collasso. Il monitoraggio, eseguito da una squadra di tecnici di Legambiente tra 20 e il 23 giugno 2017, ha preso infatti in considerazione il campionamento dei punti critici scelti in base a un “maggior rischio” presunto di inquinamento, individuati dalle segnalazioni dei circoli di Legambiente e degli stessi cittadini. Sono state quindi prese in esame le foci dei fiumi, torrenti, gli scarichi e i piccoli canali che spesso troviamo sulle nostre spiagge. Situazioni che sono spesso i veicoli principali di contaminazione batterica, dovuta all’insufficiente depurazione dei reflui urbani che attraverso i corsi d’acqua arrivano in mare. Dei 23 punti monitorati lungo le coste, ben undici sono risultati con valori inquinanti elevati. Per nove di questi il giudizio è di “fortemente inquinato” e non c'è alcun segno di miglioramento, ma, anzi, peggiorano di anno in anno. Alla testa di questa speciale classifica ci sono per l'ottavo anno consecutivo la foce del Fosso Grande ad Ardea e quella del fiume Marta a Tarquinia, risultati fortemente inquinati. Allarme rosso a Roma e provincia, dove quasi ogni fiume o rivolo scarica materiali fecali.


Dei dodici punti monitorati della provincia di Roma ben nove presentano infatti valori di inquinanti elevati, sette di questi ricevono invece il giudizio di fortemente inquinati: alla foce del fosso Zambra (Certeveri); foce fiume Arrone (Fiumicino); foce fiume Tevere (Ostia); foce Rio Torto e foce del fosso Grande (Ardea); foce del fosso Cavallo morto (Anzio); foce del porto canale Loricina (Nettuno). Due i campionamenti effettuati in provincia di Viterbo, entrambi con pessimi risultati: fortemente inquinato quello alla foce del fiume Fiora a Montalto Marina, e inquinato quello alla foce del fiume Marta al lido di Tarquinia. Migliore la situazione nella provincia di Latina, dove i prelievi sono quasi sempre entro i limiti.

Scatta così l'appello anche degli esperti, con l'intervento di Cristina Patrizi, dirigente nazionale Sindacato Medici Italiani: “L'esposizione ad ambienti non salubri aumenta l'eventualità di un rischio sanitario, specie per i bambini. Sono loro a contrarre le maggiori infezioni, ingerendo spesso per i errore liquidi tossici sia per la cute che per gli occhi. Per questo ci siamo schierati al fianco di Legamabiente, concordando un decalogo dedicato ai bagnanti. Un vademecum sui comportamenti da tenere per rispettare il mare e tutelare la propria salute, tenendo conto delle minacce di inquinamento e sanitarie presenti lungo le nostre coste”.


Dati allarmanti quelli presentati dall'associazione ambientalista, che lancia l'appello alle amministrazione per salvare il mare e l'economia turistica della Regione. E' infatti Roberto Scacchi, presidente Legambiente Lazio, e Serena Carpentieri, a puntare il infatti sull'inefficienza dei Comuni e a lanciare un monito anche sulle conseguenze economiche del fenomeno: “Siamo convinti che il mare del Lazio sia una risorsa fondamentale, per questo dobbiamo puntare a migliorare la qualità del mare. Abbiamo infatti riscontrato il collasso e l'abbandono di alcune città tipicamente marittime, con una vera e propria fuga dei turisti”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fiumicanaliinquinamentoturismoeconomiafugaallarmelegambienteromaardealatina



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Italia nazione più colpita in Europa dal traffico di identità digitale
Con Enrico Letta c’è il futuro verde del PD e dell’Italia
Mauro Buschini*
Riforma Fiscale 2021: cosa cambia davvero per le imprese?
Gianluca Massini Rosati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.