A- A+
Roma
Furto nella casa del parroco: ladro incastrato dai Ris di Roma grazie al dna

Ladro d’appartamento incastrato dal dna: aveva svaligiato la casa del parroco ma aveva lasciato tracce di sangue.

Il protagonista della vicenda è un cittadino romeno di 41 anni, con precedenti, che è stato identificato quale autore del furto messo a segno tempo fa nell’abitazione di un prete a Rignano Flaminio.

I carabinieri, durante il sopralluogo, isolarono dei segni ematici lasciati a terra dal 41enne che probabilmente non si era nemmeno reso conto di essersi ferito durante l’effrazione. I militari, inoltre, notarono che le tracce di sangue proseguivano in direzione della casa del ladro, ubicata a poche centinaia di metri dall’appartamento del sacerdote.

Le analisi dei Ris di Roma hanno consentito ai carabinieri di chiudere il cerchio intorno al cittadino romeno, il cui profilo genetico coincideva con i campioni repertati durante le indagini.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
furtoromaris romadnaparrocochiesaladrorignano flaminio



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Zaino sospeso: l'iniziativa continua
Vaccino, Camilla Canepa morta: cade la formula "nessuna correlazione"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
la nomina dell'esperto per il risanamento aziendale (2)
Angelo Andriulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.