A- A+
Roma
Gare e appalti: lo Stato furbetto con procedure ad invito. Addio concorrenza

In vista della prossima emanazione del “Decreto Semplificazioni”, l’Associazione regionale delle Pmi edili scrive al Ministro De Micheli chiedendo il rispetto dell’effettiva concorrenza nelle gare sotto soglia. Le Pmi edili sono sempre più a rischio di essere estromesse dal mercato per le gare affidate esclusivamente con procedure a inviti.

“Temiamo il rischio paradossale, ma reale, che il prossimo Decreto Semplificazioni possa comportare l’introduzione di ulteriori meccanismi procedurali e l’abbassamento della soglia di trasparenza e capacità concorrenziale del sistema; ciò anche alla luce dell’andamento delle gare d’appalto nella nostra Regione, sempre più dominato dalla procedure negoziate ad inviti”.

Con queste parole, il Presidente di Aniem Lazio, Riccardo Drisaldi ha segnalato, in una nota inviata al Ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli, il pericolo che le nuove misure che andranno ad impattare sul sistema degli appalti banditi nella Regione, invece che incidere positivamente sulla sburocratizzazione e sulla funzionalità, possano limitare ulteriormente gli spazi di mercato per le micro, piccole e medie imprese edili della Regione.

Citando esempi concreti di procedure concorsuali già indette nel Lazio, il Presidente di Aniem Lazio ha evidenziato come si sia già ampiamente diffusa in questi mesi la tendenza, anche per affidamenti di edilizia ordinaria, ad adottare procedure ad inviti che, di fatto, estromettono dal mercato una parte rilevante del sistema imprenditoriale.

Rendere strutturale questo sistema negli appalti sotto soglia, come proposto da alcune componenti politiche nell’emanando “decreto semplificazioni”, avrebbe un “impatto devastante sul mercato, soprattutto – segnala il Presidente di Confapi Lazio, Massimo Tabacchiera – in quelle aree territoriali del Paese dove più radicata è l’infiltrazione della criminalità organizzata e la sua tendenza ad entrare in relazione con il sistema degli appalti pubblici”.

Si tratta peraltro di un sistema di aggiudicazione dal quale scaturisce la conseguenza di “rendere più complicati affidamenti che non presentono particolari complessità tecniche, né importi economici rilevanti; affidamenti che potrebbero essere aggiudicati con procedure ordinarie aperte (senza inutili ed onerose indagini di mercato), applicando l’esclusione automatica delle offerte anomale, e garantendo spazi di mercato accessibili a tutti gli operatori economici.”

Le Associazioni hanno inoltre denunciato la tendenza, sempre più frequente da parte degli Enti appaltanti, a richiedere requisiti organizzativi, economici, tecnici e reputazionali, ulteriori rispetto a quelli che le imprese già devono dimostrare di possedere per acquisire l’attestato di qualificazione Soa. “Si tratta – conclude Drisaldi - di un ulteriore grave elemento di distorsione della concorrenza e della trasparenza, oltre ad essere incoerente ed illogico rispetto alle disposizioni ed i principi previsti sia dal diritto nazionale che da quello europeo".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    garegare e appaltiappalti pubbliciprocedura negoziatagare sotto sogliaconfapiconfapi lazioaniemdl semplificazioneediliziaedilizia lazioriccardo drisaldimassimo tabacchiera



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
    di Maurizio De Caro
    Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
    CasaebottegaJalisse
    Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.