A- A+
Roma
Gattino muore di fame e di sete. La Muratella finisce ancora nella bufera

Nel Punto di Primo soccorso della Muratella di Roma un gattino muore di fame e sete.

A denunciare l'accaduto è Rinaldo Sidoli, responsabile comunicazione di Animalisti Italiani onlus.

A quanto si legge nella sua nota il gattino sarebbe arrivato alla Muratella il 16 luglio con ferite alle zampe anteriori e palaschitosi, ma non sarebbe stato nemmeno immatricolato.

Per questo nessuno lo ha preso in cura e nutrito, nonostante lui presentasse una rottura del palato che non gli permetteva di nutrirsi in modo autonomo.

Rinaldo Sidoli ricorda nella sua nota che il gestore percepisce un importo aggiuntivo di 35.000 euro l’anno per pulire le gabbie ed alimentare i gatti ospitati.

Ma, il piccolo felino è stato lasciato in un gabbione di degenza, con una mamma che allattava un piccolo di pochi giorni, e altri 2 gattini di 2 mesi non vaccinati.

Per tutto questo Sidoli chiede al dirigente del canile sanitario: “di avviare un esame autoptico sull’animale per comprendere se ci sono delle responsabilità da parte di chi si doveva occupare del felino”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
muratellagattino mortoromacanile



Roma capitale della prostituzione. Quasi 3 mila escort, ma i prezzi calano

Roma capitale della prostituzione. Quasi 3 mila escort, ma i prezzi calano

i più visti
i blog di affari
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
Lions aiuta la protezione civile con la "Project bag"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.