A- A+
Roma
Gigi Proietti, morto e dimenticato: relegato nel degrado di Villa Lazzaroni

A Gigi Proietti verrà dedicato il teatro all’interno di Villa Lazzaroni, nel quartiere Appio Latino, nei pressi dell’Alberone, dove l'attore aveva abitato. Ma il Movimento Storico Romano denuncia: il parco storico, che ospita anche una scuola elementare, è in completo abbandono.

"Povero Gigi, perché per usare un eufemismo, Villa Lazzaroni oggi rappresenta l’ennesimo emblema della Capitale che sprofonda. E non solo in senso metaforico. Proprio al centro della Villa, infatti, da mesi e mesi campeggia un enorme 'pollaio' per interdire il passaggio lì, dove il terreno ha ceduto. Un segnale, col disco rosso del divieto di transito, recita: 'Area interdetta ai veicoli'. Già, ma non si capisce quali, visto che è pedonale: forse ai passeggini e ai tricicli dei bimbi", dice Sergio Iacomoni detto Nerone, presidente del Movimento Storico Romano.

E continua: "Povero Gigi, poveri noi. Nella Villa, un tempo vigna, poi orto botanico, appartenuta ai baroni Lazzaroni, c’è un pezzo di storia di Roma. Ora dovrebbe costituire un polmone verde del quartiere, un rifugio dalla trafficatissima via Appia che corre a fianco. Ma, tant’è. Infonde profonda tristezza tentare di passeggiare all’interno di Villa Lazzaroni. Sì, tentare, perché i percorsi, tra il 'verde che fu', sono irriconoscibili, ricoperti come sono di  fango, terriccio e stratificazioni di incuria. Le fontane, prive d’acqua, ora raccolgono il degrado, che è ovunque. Uno degli accessi del teatro da intitolare a Gigi Proietti potrebbe essere utilizzato per un set cinematografico. Di film horror, però. All’interno della Villa c’è una sede istituzionale del VII Municipio, - prosegue Iacomoni - con uffici per il pubblico. La palazzina è imbrattata e ha l’intonaco in disfacimento. Vicino c’è il relitto di un piccolo edificio. Risulta deturpata esternamente anche la sede dell’Ama, sempre lì accanto. Villa Lazzaroni fu ben ristrutturata circa otto anni fa e poi dimenticata. Così oggi vediamo i mortificanti risultati. Ma come si può abbandonare una Villa a sé stessa?". E dunque forse la soluzione c'è, ma secondo Iacomoni non è stata esplorata: "Sembrerà strano, ma nello stesso municipio c’è un parco ben tenuto. È quello di Tor Fiscale. All’interno opera un’attività di ristorazione privata che provvede al decoro e alla manutenzione dell’area. Allora viene da pensare che Roma, per evitare di toccare definitivamente il fondo, avrebbe bisogno di una diversa attenzione, basata sulla sinergia con i cittadini imprenditori", conclude.

Commenti
    Tags:
    vii municipiogigi proiettivilla lazzaroni


    Loading...





    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Casaleggio e i 5Stelle: quel sospetto sulle ricandidature
    Premio Golia 2021: straordinaria partecipazione
    Laurea bruciando i tempi? Prima bisogna risvegliare la passione per la cultura
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.