A- A+
Roma
Gigi Proietti, Roma piange Mandrake: un'uscita di scena da maestro del teatro

di Patrizio J. Macci

L’ultima mandrakata è stata uscire di scena il giorno del suo ottantesimo compleanno. Gigi Proietti, all’anagrafe Luigi Proietti, classe 1940, è stato un attore, comico, cabarettista, doppiatore, conduttore televisivo, regista, cantante, direttore artistico e insegnante. Uno degli ultimi interpreti a tutto tondo ad aver respirato il residuo barlume dei teatri scalcinati del Dopoguerra e quello delle Avanguardie.

Si potrebbe riempire un articolo solamente con le sue interpretazioni sul palcoscenico intercalate da una virgola, ma forse gli avrebbe fatto piacere sapere che lo si ricorderà per non aver lasciato eredi al pari del grande Petrolini (“io discendo unicamente dalle scale di casa mia”) e di essersi ispirato unicamente a se stesso fino a raggiungere il traguardo che lo ha portato ad essere l’unico One Man Show ancora in attività. È stato l’anima nazionalpopolare con Bruno Fioretti alias Mandrake in Febbre da Cavallo, un film destinato ad essere dimenticato dopo l’esordio in sala ma poi esploso nei circuiti delle emittenti locali.

Ma tutto era cominciato negli anni Sessanta - è stato lui a raccontarlo - “Giancarlo Cobelli mi notò mentre strimpellavo una chitarra e torturavo un pianoforte, non sapevo che la mia vita non sarebbe stata più come prima”. Svogliato studente alla facoltà di giurisprudenza molla la laurea a sei esami dal traguardo, per mantenersi agli studi cantava nei night club, ma il palcoscenico lo reclama fino al colpo di fortuna nel 1970 quando viene improvvisamente chiamato a sostituire Domenico Modugno, ufficialmente a causa di un infortunio capitatogli (ma ufficiosamente, sembra, a causa di dissapori con l'autore e co-protagonista della commedia, Renato Rascel) nella parte di Ademar nella commedia musicale di Garinei e Giovannini Alleluja brava gente: “Una botta di fortuna. Lì compresi che si poteva coniugare il teatro lucido con la qualità artistica: il cosiddetto teatro popolare”.

Il botto vero e proprio dal punto di vista della fama però arriva nel 1976 con A me gli occhi please una cavalcata attoriale dove Proietti recita, canta, balla, dialoga con il pubblico. Riempie i teatri tenda di mezza Italia negli anni bui del Terrorismo, anche nei giorni più cupi del sequestro Moro. Questa è rimasta la sua cifra attoriale per il resto della carriera, la capacità di riuscire a coniugare l’alto e il basso, Shakespeare con la direzione artistica del Globe Theatre e la poesia metasemantica di Fosco Maraini del Lonfo oppure lo sketch del “Cavalierie bianco e er cavaliere nero” recitato in dialetto romanesco che i giovani millennials guardano su Youtube senza stancarsi mai. Senza disegnare l'interpretazione televisiva del Maresciallo Rocca.

C'è un vecchio video che si spera venga dissepolto dagli archivi della Rai dove è con Gianni Minà e prende in giro Vittorio Gassman "reo" di aver interpretato magistralmente un canto della Divina Commedia in un vecchio long playing (che Proietti confessava di aver consumato a furia di ascoltarlo per imparare il mestiere). Proietti serio lo apostrofa: “Voi che fate il teatro impegnato e dite Brecht aspirando la pronuncia e vi mettete il maglione a collo alto in scena. A Frascati quando pronunciano Brechhhhhht ce se fanno un quartino di bianco se nò se strozzano”. Scherzava, ma neanche tanto.

Loading...
Commenti
    Tags:
    gigi proiettimandrakemandrakatamorto gigi proiettigigi proietti mortoproietti mortoproietti teatro


    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Trema Monica Bellucci: la bellezza dell'abruzzese Annalinda Barini per un anno

    Trema Monica Bellucci: la bellezza dell'abruzzese Annalinda Barini per un anno

    i più visti
    i blog di affari
    Crisi di governo, l’horror show del trasformismo politico mortifica l'Italia
    Di Tiziana Rocca
    Se la sinistra lotta contro Gramsci, è doveroso lottare contro la sinistra
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Ascolti tv, Pupa e secchione: trionfo e scivoloni
    Francesco Fredella

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.