A- A+
Roma
Giustizia, il Tribunale di Roma nel caos: dipendenti al lumicino. La denuncia

Giustizia, il caos nel Tribunale di Roma: ruoli scoperti al 37,5% del totale, con punte che superano il 50% e addirittura in alcuni settori arrivano al 100%: vale a dire, non ci sono in servizio dipendenti in quel determinato ambito. E dall'Ordine degli Avvocati arriva l'ennesima denuncia con una lettera-appello indirizzata al premier Draghi, al ministro per la Giustizia, Marta Cartabia e al ministro della P.A. Renato Brunetta.

La lettera firmata del presidente del Consiglio dell'Ordine di Roma, Antonino Galletti, analizza le carenze della pianta organica del tribunale della Capitale settore per settore. Così, in ambito dirigenziale, sono previsti 86 direttori, mentre ne sono impiegati solamente 38 (-55%); sono previsti 331 funzionari, mentre ne sono in servizio 168 (- 49%). Due i funzionari contabili in pianta organica, uno solo quello effettivamente impiegato (-50%); 153 i cancellieri in pianta organica, 71 quelli in servizio (-53%). Rialzano la media gli assistenti giudiziari: previsti 408, in servizio 352 (comunque - 13%). In altri settori come quello contabile o quello degli assistenti alla vigilanza dei locali, la scopertura è totale: mancano del tutto (-100%)!

"Sono dati impressionanti, quelli che arrivano dal Tribunale di Roma, il più grande d'Europa - commenta il Presidente del Coa Antonino Galletti - numeri che mostrano plasticamente le carenze della Giustizia, che poi si traducono in disservizi per gli utenti e in ultima analisi in denegata giustizia. Come si può pretendere di avere una sentenza in tempi breve, come si immagina di ridurre l'arretrato, se poi materialmente non c'è chi lavora le pratiche?".

Un allarme inascoltato

Già in passato il Coa Roma ha segnalato le gravi carenze organizzative del Tribunale della Capitale. Addirittura, in taluni ambiti, l'Ordine Forense fornisce servizi (e, dunque, "presta" dipendenti) al Tribunale per sveltire le procedure, ad esempio per le informazioni generali e per la liquidazione dei compensi da patrocinio a spese dello Stato. Ma evidentemente buchi d'organico così evidenti non possono essere colmati se non con un grande piano di rilancio della giustizia romana e nazionale.

"Lanciamo un appello al Ministro Cartabia e al Ministro Brunetta affinché si rendano parte attiva nel rilancio - conclude Galletti - i fondi del Recovery in arrivo anche a questo devono servire: a restituire alla Giustizia l'efficienza degna di un paese civile; l'eroismo di pochi non può sopperire oltre alle carenze strutturali".

Commenti
    Tags:
    giustiziatribunale di romadipendentidenuncia


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Sul coprifuoco Salvini attacca Draghi ma non ci sarà nessun Papeete 2
    Covid, ormai è chiaro: condannati agli arresti domiciliari permanenti
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Superlega, Vittorio Feltri contro Andrea Agnelli

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.