A- A+
Roma
Il bar dei cinesi non assume italiani: “Arrivano tardi e chiamano i sindacati”

Il bar è di proprietà di un cinese che lo fa gestire a una cinese. Con lei al banco e in cassa due ragazze. Una è una rumena bionda, l'altra è una rumena mora. All'Appio Claudio la scelta di non assumere italiani è chiara: “Non vogliamo ragazze italiane, creano problemi con l'orario e si danno sempre malate”.

Ecco il primo bar “de italianizzato e de sindacalizzato” di Roma, un “due locali all'Appio Claudio”, accanto a quel parco degli Acquedotti condannato ad essere ricordato più per l'esecuzione di Fabrizio diabolik Piscitelli che per la sua incredibile unicità di passato e presente di Roma.

Tavolini fuori lucidi, marciapiede lavato con candeggina, il bar è una via parallela a via, quartiere elegantissimo al confine col Tuscolano, e alla domenica mattina è un ritrovo di anziani col giornale, sportivi in attesa di mettere a dura prova i tendini sui percorsi del parco e persino appassionati di droni che prendono il sacro caffè prima di cimentarsi col volo radente tra i fornici dei sette acquedotti sovrapposti.

Il “capo” è una ragazza cinese minuta come tutte le cinesi a alla macchina del caffè c'è una ragazza rumena bionda bionda e con le spalle larghe. Sorride e spreme succo da polvere di caffè a velocità della luce, mentre la collega, anch'ella rumena è mora con le spalle piccole piccole ed è fulminea come lo sono tutti i “piccoletti” di statura.

La cinese non ha un nome comprensibile ma parla chiaro: “Perché non assumiamo italiani? E' semplice. Oggi è domenica e le mie ragazze sono arrivate alle 6,30. Alle 6,45 il banco cornetti era allestito e abbiamo iniziato a lavorare. Un italiano o una ragazza italiana avrebbero mandato un messaggio per dire che avrebbero fatto un po' tardi. Le mie sono sempre puntuali. E se chiedo loro di rimanere un po' di più, avrebbero fatto storie. Poi avrebbero chiamato i sindacati e nel mio bar io non voglio perditempo e piantagrane”.

Scusi ma lei è razzista?

“Sì ce l'ho con chi non ha voglia di lavorare, non rispetta il lavoro e non è preciso e puntuale. E molti di questi sono italiani, anzi: romane che pensano solo ad uscire la sera. Le mie ragazze rumene sono perfette”.

Nota di cronaca: la cinese dal nome incomprensibile è cinese di terza generazione e parla perfettamente romano. Il caffè in tazza, qui il vetro non si usa, è decisamente di qualità scadente. Ma il locale è sempre pieno.

Commenti
    Tags:
    cinesibarappio claudioparco degli acquedottisindacatibaristecommercio romacomune romadiabolik piscitelli




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Estate 2020, mare da paura. I cani bagnini salvano un bambino a Tarquinia

    Estate 2020, mare da paura. I cani bagnini salvano un bambino a Tarquinia

    i più visti
    i blog di affari
    La comunicazione politica via TikTok
    Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
    L'UK concede il passaporto verso la libertà ai cittadini di Hong Kong
    Andrea D'Amico
    Coronavirus, un libro insight per non dimenticare e non ripetere gli errori
    Di Angelo Maria Perrino

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.