A- A+
Roma
Il Comune di Roma col “cappello” in mano. Capodanno da “questuanti”

Triste come la crisi che ha spazzato fasti e opulenza, ma pure sogni e creatività. Il Capodanno romano trasformato in una gigantesca piazza dell' “elemosina”, con gli artisti di strada costretti a ripagarsi le spese della performance con la classica “offerta a cappello”, questa volta istituzionalizzata per decisione comunale.

Lontanissima l'era dei grandi eventi internazionali, dei concerti di star planetarie che attiravano turisti dall'Europa, dei giochi pirotecnici che illuminavano dall'alto i tesori dell'antichità. Se Renato Nicolini è rimasto nella storia per aver creato l'Estate Romana e Gianni Borgna per le sue visionarie Notti Bianchi, l'assessore Luca Bergamo rimarrà nella memoria per il più vasto raduno al Circo Massimo di “questuanti”. E se la tradizione li vuole sotto i ponti, lui li posiziona sopra.

Il titolare dell'assessorato alla Cultura ha provato a fare chiarezza sull'enigma Capodanno, sulla cui organizzazione si è combinato un vero pasticciaccio brutto.
“Gli artisti di strada che vorranno esibirsi avranno a disposizione un chilometro di piazza lungo cui, sui ponti e sulla strada, ci saranno attività e spettacoli di ogni genere", ha spiega Bergamo intervenendo su Rtl. “In questo spazio gli artisti di strada possono raccogliere offerte “a cappello”, come si fa sempre, e possono fare tranquillamente la loro attivita'". Ovvero, potranno ricevere offerte libere da tutti coloro che vorranno farlo.

Nella mente della giunta M5S, forse questo sarà un evento di appeal mondiale, capace di attirare stranieri da ogni dove.
"Faremo 24 ore di attività, a partire dalle 22.30 del 31 fino alle 22 del primo gennaio. Il 31 sostituiremo il concerto del Circo Massimo con 15 installazioni tra performance e spettacoli di 'nouveau cirque' che illumineranno l'arena. A mezzanotte faremo andare i cento violoncelli diretti da Melozzi per il countdown. E poi inizieremo con i dj".

Questo il nuovo programma messo a punto dall'amministrazione.
"Dalle 3.30 comincia il programma sui ponti della citta':volevano riconquistare uno spazio che la città ha perduto: il Tevere, scomparso quando sono stati costruiti gli argini. Abbiamo deciso di fare tantissime iniziative sui ponti. Dalle 3.30 alle 6 per i nottambuli  dalle 10 a mezzogiorno per le famiglie e dal primo pomeriggio a sera per tutti quanti".

Tags:
capodanno 2016capodanno romam5svirginia raggiluca bergamocapodanno flopconcerto capodannoartisti di stradateveregianni borgnarenato nicolini
Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
Cancellare il Natale? Un modo per turbare l'identità altrui
L'OPINIONE di Diego Fusaro
BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
Boschiero Cinzia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.