A- A+
Roma
Il Comune di Roma fa miracoli: non basta 1 anno per revocare una concessione

Campi di bocce, poi un minihotel di lusso con 15 stanze, una sala gigantesca per eventi aziendali e feste private, l'organizzazione all inclusive di eventi speciali, un bar, una tavola calda e un ristorante e i gonfiabili per i bambini. Benvenuti a Eurcity, ufficialmente Centro tecnico Federale della Fib, Federazione italiana bocce, molto di più villaggio vacanze, centro massaggi, palestra e hotel con ristorante prenotabile su The Fork e tutto al Torrino, quartiere elegante adiacente l'Eur.

Il business center Eurcity, parte dalle bocce e dalla passione e solo per metterci la firma la Federazione incassa oltre cinquantamila euro l'anno grazie ad un meccanismo che consente di lanciare le sfere pagando al Comune di Roma, che è il proprietario dell'impianto, 30 mila euro di oneri, mentre grazie a un subappalto dei servizi ne incassa 80 mila. Insomma, quel cartello che recita Fib-Centro tecnico Federale, vale 50 mila euro e più.

E la Fib sorride, lo fa anche quando il Comune di Roma si accorge dopo due anni che il Centro è un villaggio vacanze e minaccia con una nota ufficiale il 5 luglio del 2019, l'avvio del procedimento di decadenza della concessione. Insomma, secondo Roma Capitale, dipartimento Sport, assessore Daniele Frongia, la Federazione bocce non può usare un centro tecnico federale come se fosse una Waltur nella zona “in” di Roma Sud e trasformare una concessione a canone ridotto in un'occasione di business. Questo secondo il Campidoglio, che notifica una serie di contestazioni, partendo dal presupposto che la Fib non può cedere la gestione del patrimonio in subappalto perché vìola i regolamenti e disciplinari capitolini. E visto che a beneficiare del “villaggio” c'è una Srl cioè una società di capitali che si occupa di business, è evidente che al Comune i conti non tornano. Così scrive e minaccia la decadenza della concessione divenuta tale durante il commissariamento che ha preceduto l'elezione di Virginia Raggi sindaco.

Con una solerzia da manuale dell'efficienza, la Fib replica al Comune, spiegando punto per punto tutte le giustificazioni che renderebbero vano il procedimento di decadenza e partendo dall'assunto principale: “La Fib concessionario di servizi non è tenuta al rispetto del Codice degli appalti pubblici”, con buona pace del Comune che è proprietario degli impianti e dei romani che li hanno pagati con le loro tasse. Ora, in un Paese civile lo scontro tra due soggetti si risolverebbe in tempi certi ma a Roma no. Il Comune tace per un anno sino a quando martedì scorso, il “bubbone bocciofila” trasformato in villaggio vacanze, approda alla Commissione Sport presieduta da Angelo Diario. E qui l'imbarazzp è forte, perché dopo aver ascoltato in silenzio le meraviglie di Eurcity e la possibilità della bocciofila del Coni di fare dell'impianto pubblico ciò che vuole, i burocrati del Comune compiono il miracolo all'italiana. Il direttore dell'impiantistica sportiva comunale l'architetto Roberto Ziantoni, si appresta a riempire i sacchetti di sabbia a difesa del Comune, incapace in un anno di chiudere una vertenza. E questo perché sull'affaire Centro federale Coni-Fib pende un'inchiesta penale contro la precedente gestione del centro perché aveva affidato la gestione di alcuni servizi di accoglienza ad una società dilettantistica sportiva controllata dalla famiglia del presidente Fib allora in carica. Una gestione contestata dai nuovi vertici con una specifica accusa di violazione del Codice degli appalti. Insomma, nel tripudio di gestioni familistiche e business oriented, la Federazione Bocce, a seconda della convenienza una volta deve sottostare al Codice degli appalto, una volta no. E il Comune dopo aver preso coscienza dello scenario da parte del legale che cura la difesa dell'ex presidente, accetta di buon grado la trasmissione delle carte da parte dell'avvocato difensore.

Un paradosso che trasforma le competenze comunali in “incompetenze comunali”, visto che si tratta di due giustizie amministrative diverse e indipendenti. Insomma, con la scusa del “penale” gli esperti del Campidoglio preferiscono la soluzione “bocce ferme”, creando un precedente pericoloso. Da oggi chiunque ha in concessione un impianto sportivo del Comune di Roma può farci quello che vuole, affidando la parte business a società a scopo di lucro. Tace l'assessore Frongia e tace anche il Coni.

SCARICA E LEGGI il procedimento di revoca della concessione comunale al centro Fib

SCARICA E LEGGI la replica della FIB al Comune di Roma

IL VIDEO CHE IMABARAZZA IL COMUNE DI ROMA. I LAVORI DELLA COMMISSIONE SPORT

La replica dell'assessore Frongia: "La revoca è un atto complesso"

Loading...
Commenti
    Tags:
    comune romasport romaconifederazione boccefibangelo diariodaniele frongiaeurictybocciofila romavirginia raggim5seurrevoca concessione fib




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Le mani della camorra sui ristoranti di Roma: 13 arresti, anche i Moccia

    Le mani della camorra sui ristoranti di Roma: 13 arresti, anche i Moccia

    i più visti
    i blog di affari
    Coronavirus, a Roma 5mila locali chiusi: ecco i danni del regime terapeutico
    "Abbiamo fatto l'eterologa. Ma ora lui minaccia di disconoscere nostra figlia"
    di Dott.ssa Violante Di Falco*
    Libertà, Spartaco si è ribellato dalle catene anche se sapeva già di perdere

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.