A- A+
Roma
Il Covid posticipa il matrimonio. Ma ricevimento e viaggio di nozze resistono

Matrimonio.com, portale che aiuta gli sposi ad organizzare il giorno più felice della loro vita ha dialogato con aziende e utenti per capire quale sarà lo scenario del settore wedding nei prossimi mesi, e quali potrebbero essere le misure da adottare rispetto alla pandemia da Covid-19. Se nella maggior parte dei casi il matrimonio è dovuto slittare, la gran parte delle coppie non rinuncerà a ricevimento e viaggio di nozze.

Tra i vari settori che da un anno a questa parte subiscono gli effetti della pandemia, vi è senza dubbio quello nuziale, colpito sotto diversi fronti: da una parte vi sono i fornitori, che si vedono impossibilitati a svolgere il proprio lavoro in modo regolare, e dall’altro migliaia di coppie, che si trovano in balia di continui cambi di decreti e colori, e che, nella maggior parte dei casi, posticipano le nozze in attesa di tempi migliori. Per avere un’idea dei volumi del mercato nuziale in termini di persone, ogni anno in Italia, più di 195.000 coppie decidono di sposarsi, mentre riguardo al volume d’affari diretto, i matrimoni generano circa 4,75 miliardi. In termini occupazionali stiamo parlando di circa 400.000 posti di lavoro. Sono numeri che lasciano intuire perché è fondamentale trovare una soluzione efficace riguardo alle misure di sicurezza per riprendere a celebrare il matrimonio in tutta tranquillità e con le dovute attenzioni che questo giorno così speciale si merita.

Secondo un sondaggio realizzato nel febbraio 2021 su 4.427 coppie sposatesi nel 2020 o con data di matrimonio nel 2020 poi posticipata al 2021, il 91% delle celebrazioni rinviate si terrà presto, ancora in attesa di sapere con quali misure potranno essere realizzate. Fortunatamente, solo il 9% delle coppie non ha ancora fissato una nuova data per il matrimonio. In Italia, il tempo medio di pianificazione per un matrimonio è di 12 mesi, secondo Il Libro Bianco del Matrimonio. A causa della crisi sanitaria però, questo tempo si è dilatato e si attesta attualmente tra i 18 e i 24 mesi. Un tempo "extra" utile per finalizzare alcuni dettagli e ottimizzare il budget di nozze.

Più di 8 coppie su 10 che hanno rimandato il loro matrimonio nel 2020 hanno in programma di sposarsi nel 2021, e il 58% di queste dichiara che questa sarà la loro festa principale, il che indica che i matrimoni saranno di nuovo molto presenti nei prossimi mesi. Il 95.6% delle coppie celebrerà sia la cerimonia che il ricevimento. Questi dati mostrano che il desiderio di continuare a celebrare quel giorno permane. Il 64% ha cambiato piani e dettagli iniziali a causa della pandemia. Questi dati dimostrano che le coppie sono disposte a fare dei cambiamenti alle loro nozze pur di avere il giorno dei loro sogni.

Cerimonia in sicurezza

Per il 78% degli intervistati, la salute e la sicurezza degli invitati sono l'aspetto più importante nell'organizzazione del matrimonio in tempi di crisi sanitaria. Ecco le misure che prenderanno: Ridurre la lista degli invitati: il 46% delle coppie ha ridotto leggermente la lista invitati; spostare la data a un altro giorno della settimana (24%): le coppie si adattano alle circostanze e riadattano il loro matrimonio per poterlo celebrare; misure di sicurezza molto diffuse durante il ricevimento (75-100%): sedute e/o tavoli allestiti con distanza di sicurezza, mascherina obbligatoria per il personale di servizio, uso del gel idroalcolico; misure abbastanza diffuse durante il ricevimento (45-74%): obbligo di indossare mascherine, tranne durante il momento dei pasti, incoraggiare il distanziamento sociale tra gli ospiti, misurazione della temperatura corporea.

Viaggio di nozze: per il 33% è una mini moon

Il 33% delle coppie dichiara che ha fatto/farà una Mini Moon (un piccolo viaggio subito dopo la celebrazione del matrimonio) per poi fare il viaggio di nozze vero e proprio quando sarà possibile. Un dato che incoraggia il settore perché trasforma quel viaggio in due. Il 63% ha posticipato il proprio viaggio, mentre solo il 7% ha deciso di non organizzarlo.

Test per gli invitati si, test per gli invitati no? 

Sul sito di Matrimonio.com sono più di 62.000 le aziende registrate che lavorano per i matrimoni e che sono state fortemente colpite dalla situazione attuale. Malgrado dal sondaggio realizzato con oltre 2.360 aziende del settore nuziale, si evince che il 67% dei fornitori pensa che offrire test agli invitati potrebbe essere una buona soluzione per garantire la sicurezza dell'evento, tuttavia si tratta di un argomento fortemente dibattuto e vi è un’ampia diversità di opinioni riguardo costi e fattibilità.

Commenti
    Tags:
    covidmatrimonioricevimentoviaggio di nozze


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Minori e Web: uso, abuso e pericoli: il vortice delle challenge di Tik tok
    Covid, coprifuoco? Lo specchio dell'autoritarismo sanitario
    Di Diego Fusaro
    Da Ceferin (Uefa) a Grillo, l’uso corretto o no del web
    Di Ernesto Vergani

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.