A- A+
Roma
Il vapore elettronico reinventa la storia: addio cowboy, lo svapo è sexy

Dalle praterie dei cowboy con la sigaretta in bocca alle grazie della drag queen che "svapa" guardando il sole. Fontem Ventures rilegge la storia della storia della pubblicità nel verso del fumo elettronico per il lancio della nuova campagna "Just You & blu" comprende spot per la TV e per il cinema, inserzioni e cartelloni pubblicitari, così come contenuti digitali e destinati ai social media.

"Blu è il marchio più rappresentativo nella categoria dello svapo elettronico", ha dichiarato John Wardley, Chief Marketing Officer di Fontem Ventures, l'azienda madre di blu. "Questa campagna servirà a consolidare e a far crescere la posizione di leadership di cui gode blu negli Stati Uniti e nel Regno Unito, e introdurrà il marchio ai nuovi consumatori in Italia e in Francia, i nostri due mercati di lancio".

"La campagna coglie, in modo attento e coinvolgente, il momento di soddisfazione che blu dà ai nostri consumatori - ha detto Wardley - Abbiamo volutamente evitato i luoghi comuni che hanno definito storicamente il marketing di questa categoria - non si tratta della durata della batteria, della varietà degli aromi o del device, ma di persone vere che si godono un momento vero con blu."

La nuova campagna "Just You & blu" è fatta di spot di 90, 60 e 30 secondi, oltre a suggestive immagini in bianco e nero, semplici e senza tempo. La prima fase della campagna si concentra su protagonisti diversi tra loro: un motociclista, un comico, una drag queen, una modella ed una donna pilota. "Non sono celebrità, non sono famosi, sono solo persone interessanti, ciascuna con la propria storia, e ciascuna con il proprio legame con il marchio blu", ha detto Wardley.

Tags:
blusvapo



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Green Pass obbligatorio, Italia avamposto del nuovo ordine terapeutico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Brunetta non va al Premio Socrate: c'è Palamara
Green Pass, il lasciapassare per i sudditi del capitalismo terapeutico
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.