A- A+
Roma
L'origine dei mali di Roma è nelle Giunte Rosse. Il Pd processa Pci e Pd

di Patrizio J. Macci

L'esperienza delle “giunte rosse” guidate dai tre sindaci comunisti della Capitale (Argan, Petroselli e Vetere), raccontate da chi le ha vissute in prima linea. Paolo Ciofi firma, pochi mesi prima delle elezioni che hanno portato all'elezione del primo sindaco donna del Movimento 5 Stelle con il volume “Del governo della città - L'esperienza delle “giunte rosse” per un'altra idea di Roma” Bordeaux Edizioni, uno spietato atto d'accusa nei confronti dell'attuale dirigenza del Pd e del candidato sindaco targato Partito Democratico sonoramente bocciato dal risultato delle urne.

La critica negativa di Ciofi si estende anche all'operato dei sindaci Rutelli e Veltroni: il piano regolatore approvato durante la consiliatura di quest'ultimo, viene definito come uno dei peggiori.

Negli anni dei “sindaci comunisti” che racconta, Ciofi è stato segretario regionale del Pci, segretario della Federazione romana e vicepresidente della Regione Lazio. “Senza che nessuno dei miei compagni di partito fosse mai oggetto di indagini giudiziarie”, precisa con una punta di delusione nei confronti del presente. Il Partito era “antropologicamente diverso", l'Italia usciva dagli anni bui del terrorismo, un ragazzo scapigliato di nome Renato (Nicolini) portava i romani al cinema all'aperto, le piazze brulicavano di una vita che non era quella dell'attuale movida consumistica.
“Ribellarsi è necessario, ma non basta” dice l'autore nella prefazione. Il suo contributo al dibattito di cosa fare dopo Mafia Capitale” è una miscellanea di scritti e interventi su Roma e la sua crisi, la trasformazione in una metropoli europea mai compiuta, gli uomini e le idee delle quali riappropriarsi per comprendere le contraddizioni del presente.

Le “nuove povertà”, la disoccupazione, la crescita esponenziale della rendita immobiliare sono i mali che lentamente hanno spolpato la città rendendola di fatto un'agglomerazione sociale che svalorizza il lavoro e distrugge l'ambiente, attizza conflitti di classe di genere contro i lavoratori e contro le donne, alimenta guerre tra poveri segnate da fondamentalismi religiosi e da esclusioni etniche. Il destino della “città più bella del mondo” scivola su un piano inclinato, senza possibilità che la politica possa fare nulla. I partiti sono ridotti a “comitati d'affari, larve senza corpo né anima”. Non ci sono più gli uomini e neanche la visione per cambiare le cose.

Il volume ha una preziosa appendice con la mozione di Enrico Berlinguer del 1984 e la proposta di legge del Pci del 1986. Probabilmente gli ultimi due tentativi di elaborazione critica dei problemi dell'Urbe, ma era già iniziato il tunnel che avrebbe portato al modello culturale dominante della “Milano da bere” e, come chiosa l'autore, della “Roma da spolpare”.

Tags:
comune romaromamali di romagiunte rossepetroselliarganveterepaolo ciofipdrutelliveltronigiachatti
Loading...



Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Incidente Corso Francia: “Genovese andava a 95 km/h”. La perizia lo inchioda

Incidente Corso Francia: “Genovese andava a 95 km/h”. La perizia lo inchioda

i più visti
i blog di affari
Fase 3, Conte: "Ci meritiamo il sorriso", ma lavoratori e imprese piangono
Di Diego Fusaro
Cortina For Us e UnipolSai lanciano “#Andràtutto bene...in vacanza a Cortina”
Paolo Brambilla - Trendiest
Fase 3, la ripartenza errata del Paese Italia
L'opinione di Massimo Puricelli

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.