A- A+
Roma
La battaglia contro l'amianto si sposta in Umbria: audizione alla Regione

Esposti all'amianto, licenziati e anche senza benefici previdenziali: i lavoratori delle fabbriche della Thyssenkrupp di Terni, della SGL Carbon di Narni, delle Officine Grandi Riparazioni di Foligno e degli altri grandi siti umbri sono stati discriminati rispetto a quelli degli stessi gruppi industriali che svolgevano le stesse mansioni in altre zone d'Italia.

Su quella che l'Osservatorio Nazionale Amianto ritiene una “inaccettabile ingiustizia”, il presidente Ezio Bonanni sarà ascoltato il prossimo lunedì 18 luglio dalla II Commissione permanente della Regione Umbria, presso la sede dell'Assemblea legislativa di Palazzo Cesaroni, alle ore 11.30.

A seguire, alle ore 15, il presidente dell'Ona Ezio Bonanni interverrà ad una conferenza stampa presso Palazzo Cesaroni, Sala Partecipazione in Piazza Italia a Perugia, per fare il punto della situazione.

Successivamente, alle ore 18:00, presso la città di Narni, si terrà l’assemblea pubblica che vedrà la partecipazione di numerosi lavoratori, cittadini esposti e vittime dell’amianto di SGL Carbon e di altri siti con amianto. Presente l'avvocato Ezio Bonanni, modera la giornalista Valentina Renzopaoli.

I benefici amianto riconosciuti dal Governo per lavoratori esposti ad amianto in diversi siti industriali italiani, tra cui quelli della Thyssenkrupp di Torino fino alla data del 2 ottobre 2003, non sono stati invece previsti per i lavoratori dei siti dell'Umbria, per i quali i benefici si fermano alla data del 31 dicembre 1992, nonostante l'amianto sia rimasto presente fino a tempi molto più recenti.

“Il diritto ai benefici amianto non può essere una gentile concessione, frutto di una concezione del diritto come speciale concessione del feudatario. Invochiamo l’applicazione del principio di eguaglianza. La discriminazione di cui sono vittime i lavoratori umbri è inaccettabile e il beneficio amianto deve essere anche a loro riconosciuto fino al 2 ottobre 2003, tanto più tenendo conto che i lavoratori di identici siti in altre regioni hanno ottenuto il riconoscimento fino a quella data e quindi c’è stato un prepensionamento quasi completo di tutti i lavoratori dell’amianto”.

L'audizione urgente fissata dalla Commissione, presieduta dall'on. Eros Brega è “un primo passo importante da parte della Regione dell’Umbria per portare alla luce anni di silenzio”, dichiara l'avvocato Bonanni che parteciperà insieme al Coordinatore Regionale ONA in Umbria, dottor Niccolò Francesconi, esperto in criminologia clinica.
I lavoratori umbri, sostenuti dall’associazione Osservatorio Nazionale Amianto hanno chiesto al Premier Renzi, e al Ministro del Lavoro Poletti, di sanare questa ingiusta discriminazione, e di ripristinare lo stato di legalità. “Il riconoscimento dei benefici contributivi per esposizione ad amianto, fino al 2 ottobre 2003, porterebbe al prepensionamento di lavoratori che sono stati già esposti ad amianto per decenni e sono stati penalizzati dall’introduzione delle nuove norme della Legge Fornero, e quindi rischiano di non poter mai godere della pensione, in quanto verranno falcidiati prima di raggiungere l’età pensionabile alla soglia dei 70 anni”, spiega l'avvocato Bonanni.

“Voglio ingraziare pubblicamente per il loro interessamento Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari, consiglieri del Movimento 5 Stelle che hanno dato voce istituzionale ai lavoratori e ai cittadini esposti e vittime dell’amianto e ai loro familiari. In qualità di consiglieri regionali, hanno infatti citato il recente 'Studio Sentieri' (ISS - Ministero Salute), nel quale è contenuto un esplicito riferimento all'eccesso di mesoteliomi negli uomini a Terni (+164% rispetto alla norma, periodo 1996-2005)”, continua Bonanni. “Intendiamo sapere se, anche dopo il 1992, parte delle maestranze siano state esposte a tale materiale, come è possibile sia accaduto, sulla base delle molteplici testimonianze conosciute al riguardo, anche di tipo documentale e fotografico”.

Tags:
amiantoonabonanniumbriaterninarnityssenkrupp



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Sistemi di raccomandazione in retail ed education con aKite e SocialThingum
di Francesco Epifania
Cav in campo per le Comunali: "Con Salvini intesa su tutto"
"Ecco il nostro compito: un partito repubblicano"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.