A- A+
Roma
La Corte dei Conti boccia 9 anni di bilanci: “I problemi nati con Alemanno”

Bilancio del Campidoglio nel caos, la Corte dei Conti boccia 9 anni di gestione del debito di Roma: contiene "squilibri latenti" a causa dei criteri con cui nel 2008 è stata impostata la gestione commissariale del debito storico del Comune con Alemanno.

 

A scriverlo è la sezione regionale di controllo per il Lazio della Corte dei Conti, che ha analizzato i bilanci del Campidoglio dal 2008 al 2017. Secondo i giudici contabili la realtà dei conti comunali "non risulta allineabile all’archetipo di una gestione liquidatoria pura" per il "criterio temporale di individuazione delle partite debitorie da essa recepibili, per la conseguente potenziale ampiezza del suo oggetto, per l’assenza di fissazione di un termine di durata, nonché per l’obiettivo di integrale estinzione delle dette passività".

L'analisi dei documenti porta la Corte dei Conti ad "un giudizio complessivamente non positivo sugli squilibri latenti in ordine al bilancio di Roma Capitale occasionati dalle numerose problematiche rilevate, che hanno posto in evidenza la non completa trasparenza delle scritture e reso difficile il collegamento di debiti e crediti dovuti alle operazioni di reimputazione con i giustificativi contabili originari attestanti, relativi ai debiti e crediti verso terzi al fine di una più chiara definizione dell’indebitamento pregresso trasferibile alla Gestione Commissariale, nonché della coerente pianificazione delle necessarie coperture finanziarie".

Nel suo documento di analisi dei bilanci del Campidoglio dal 2008 al 2017 la Corte dei Conti del Lazio ritiene "non esaustivi i criteri di quantificazione dei debiti fuori bilancio maturati al 28 aprile 2008". Per i magistrati contabili "permangono in specie incertezze nella quantificazione degli oneri da espropriazioni illegittime o occupazioni sine titulo avvenute prima del 28 aprile 2008 (con il rischio di ulteriori contenziosi) e con riguardo ai prestiti flessibili e le aperture di credito da ammortizzare a carico della massa passiva".

In sintesi il giudizio della Corte dei Conti "si caratterizza per un verso nell’accertamento di una serie di profili di non regolarità nelle gestioni dal 2008 al 2017 e, per altro verso, alla individuazione di puntuali adempimenti conseguenziali da parte dell’Amministrazione in esito alla pronuncia".

Commenti
    Tags:
    corte dei contibilancio romabilancio comune di romabilanciodebiti romabocciaalemannocomune di romacampidoglio



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Green Pass obbligatorio, Italia avamposto del nuovo ordine terapeutico
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Brunetta non va al Premio Socrate: c'è Palamara
    Green Pass, il lasciapassare per i sudditi del capitalismo terapeutico
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.