A- A+
Roma
La mafia del palazzo occupato: chi non obbedisce viene sfrattato per 7 giorni

Un palazzo occupato gestito come se fosse una dittatura del Centro Africa oppure una cupola mafiosa: con doveri per chi ci abita, vessazioni, minacce e chi non sta al regolamento viene addirittura espulso a tempo da un comitato che decide anche chi deve e lavorare, quando e come. Succede a Roma in piazza Pecile, nell'ex palazzo ex Asl Rm C, occupato il 6 aprile del 2013.

Qui, nel paradosso dell'illegalità, l'etnia di occupanti che ha preso il potere quella degli africani, si è inventata persino un “regolamento interno” al quale le 45 famiglie che occupano lo stabile devono attenersi, pena lo sfratto per disobbedienza.

Il regolamento è semplice: intanto chi occupa deve pagare il cosiddetto “fondo cassa”, cioè la quota obbligatoria che va versata ad Action e che garantisce l'assistenza legale gratuita. E chi “per fame” non riesce, finisce all'indice, cioè sull'elenco appeso nell'androne del palazzo che elenca nome e cognome dei “condomini” in ritardo con i versamenti delle quote e il relativo debito. Sempre il fantasioso regolamento che profuma di ossimoro in un palazzo dove la costituzione di regge sull'anarchia, partorisce strani turni di lavoro: chi occupa viene chiamato dall'organizzazione a svolgere lavori esterni misteriosi, tra i quali anche l'assistenza per predisporre sopralluoghi finalizzati ad altre occupazioni. Il “foglio di lavoro” appare il venerdì sera con le convocazioni per il giorno successivo e chi non obbedisce finisce nella ista nera.

Oltre ai lavori esterni, la cupola che governa il palazzo, stila un foglio di convocazione in base al quale gli occupanti – anche se sono anziani 80enni, devono prestare la loro opera per turni di pulizie degli spazi comuni con tanto di avviso: “Le persone che non rispetteranno i turni di pulizie verranno “sansionate” con l'allontanamento dall'occupazione di 1 settimana”. In poche parole: chi non esegue il diktat della cupola, viene preso e sfrattato dallo speciale comitato interno che si trasforma in ufficiale giudiziario e solleva di peso la persona, decidendo che deve andare a dormire su un panchina.

Ma cosa è successo in uno dei simboli della città che chiede di avere un tetto? Nel temo gli occupanti italiani, etnia prima in maggioranza, si sono ridotto a un manipolo di 5-6 famiglie sul totale di 45 nuclei che vivono nel palazzo mentre la seconda etnia per numero, i sudamericani, negli ultimi anni hanno ceduto spazio e “potere” a africani e arabi, ormai n maggioranza.

Dunque, nel palazzo occupato, si è costituita una cupola mafiosa che governa l'anarchia attraverso un regolamento: chi non osserva la legge, è fuori. Con buona pace delle forze dell'ordine che da anni non mettono piede nel palazzo.

Commenti
    Tags:
    mafiaoccuopazionipalazzo occupatoactionafricani




    Loading...



    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Elezioni 20 e 21 settembre, non solo Referendum: nel Lazio 36 Comuni al voto

    Elezioni 20 e 21 settembre, non solo Referendum: nel Lazio 36 Comuni al voto

    i più visti
    i blog di affari
    Il crepuscolo della ragione. Davvero lo è? Ne parlo con il sociologo Giovanni Cozzolino
    Di Antonella Gramigna
    1-2 ottobre appuntamento con l’AIM Investor Day di IR Top Consulting
    Paolo Brambilla - Trendiest
    6 Trend per la moda uomo dell'autunno-inverno 2020
    Anna Capuano

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.