A- A+
Roma
La Massoneria attacca il Senato: “Ridateci le aule scippate dal Fascismo”

di Claudio Roma

La Massoneria del Grande Oriente d’Italia rivuole indietro “due stanzette” di Palazzo Giustiniani che gli furono strappate dal Fascismo.
La più numerosa comunione massonica d’Italia, chiede la restituzione di quanto gli è stato promesso e il Presidente del Senato non risponde. Latita. La questione, annosa, è quella del palazzo meglio conosciuto come Palazzo del Senato sede della “massoneria italiana” dal 1911 al 1925. Composto da oltre 400 stanze su sette piani, fu spogliato del suo contenuto con la violenza dalla squadracce fasciste ed espropriato da Mussolini con un decreto legge.

Dopo un’estenuante trattativa sviluppatasi in carteggi, denunce e atti giudiziari il Grande Oriente era riuscito a strappare la promessa della concessione di 120 metri quadri dove allestire un museo. L’accordo è stato firmato alla fine degli Anni ‘80 con l’allora presidente del Senato Giovanni Spadolini. L’azione successiva, la riconsegna dei locali, non è mai avvenuta.
È venuta meno la volontà politica di dare seguito a un atto che - nessuno lo ha mai voluto ammettere - nelle segrete stanze fece in seguito storcere il naso a più di un politico. Purtroppo la parola massoneria in Italia viene troppo spesso confusa con periodi neri della storia italiana, vicende dense di trame oscure e segreti di stato impronunciabili.
Ora il Grande Oriente torna alla carica con un corposo dossier in formato libro cartaceo (Palazzo Giustiniani – Una questione ancora aperta FEFÈ EDITORE) dove per mano del Gran Maesto Stefano Bisi, sotto la supervisione scientifica del professor Carlo Ricotti, sono stati raccolti tutti i documenti del caso: lettere, atti legali, carteggi con i presidenti del senato, carte bollate. Un tira e molla che oramai va avanti da più di venti anni senza che si riesca ad arrivare a una soluzione. Un caso esemplare di malagiustizia, dove un patto firmato non viene rispettato e nessuno sembra poter fare nulla per il ripristino della legalità.
Lo spazio rivendicato (due stanzette al piano terra, facenti parte dello spazio in uso alla seconda carica dello Stato e al suo staff) verrebbe adibito a museo dove esporre, tra le altre cose, alcuni cimeli come il poncho indossato da Garibaldi. “Sarebbe più che altro una sede di rappresentanza”, ha detto il Gran Maestro Bisi alla presentazione del volume. “Un luogo per poter dimostrare a tutti che la massoneria opera alla luce del sole e per il bene delle persone, soprattutto dei più deboli e degli svantaggiati. Se proprio vogliamo essere precisi, siamo gli unici a non aver mai ricevuto un risarcimento per le violenze ricevute dai fascisti. Un accordo è stato raggiunto, chiediamo semplicemente che venga rispettato”.
Nel caso in cui il Senato non risponda anche a questa sollecitazione, il passo, al quale il GOI non vorrebbe arrivare, è una nuova azione giudiziaria. Sarebbe un caso clamoroso, superiore a quello in cui un creditore chiese il pignoramento del cavallo della Rai di via Teulada per una questione di fatture non pagate.

Tags:
massoneriagrande oriente d'italiagran maestro stefano bisisenatopalazzo giustinianifascismomassoni
Loading...



Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Coronavirus, la verità sul crash Inps: 300 tecnici pagati come giardinieri

Coronavirus, la verità sul crash Inps: 300 tecnici pagati come giardinieri

i più visti
i blog di affari
Il Global Management Challenge anche in Italia. Gratis per i team di studenti
Paolo Brambilla - Trendiest
Tg1, Carboni conduce al posto di Giorgino. Ecco il retroscena clamoroso
Di Francesco Fredella
MUSICA. Il COVID-19 non lo ferma: Filippo Pezzini lancia l’album “Flemmatico”
Greta V.Galimberti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.