A- A+
Roma
La paranza dei bambini, Saviano porta a Berlino l'innocenza perduta di Napoli

Di Maddalena Scarabottolo

L'innocenza perduta di Napoli conquista Berlino. Saviano e Giovannesi portano al Festival i giovani senza speranza delle periferie, che desiderano solo armi, soldi e potere.

 

“La paranza dei bambini”, un film di Claudio Giovannesi tratto dal libro omonimo di Roberto Saviano e girato tra i rioni di Napoli, è in concorso al Festival di Berlino 2019. L'elemento centrale del film è una banda di ragazzini criminali che sono disposti a tutto pur di raggiungere il potere.

La banda, come tutte le paranze del mondo, approfitta del momento in cui i boss sono in galera e agli arresti domiciliari per prendersi il potere del quartiere. La loro aspirazione, come ogni altro quindicenne al mondo, è quella di fare soldi, comprare vestiti firmati, videogiochi e motorini nuovi. Questi desideri leciti e infantili si schierano in antitesi ad atteggiamenti molto da grandi che prendono vita attraverso il simbolo della pistola. Le armi rappresentano il potere perché grazie a queste possono costruire una forte identità di gruppo ed essere rispettati. È proprio questa voglia di avere tutto e subito che li accieca, che non fa considerare le conseguenze delle loro azioni criminali.

L'opera è strutturata su una parabola discendente: la prima azione illegale porta alla seconda e così via, un reato tira l'altro. Quando si supera il punto di non ritorno è ormai troppo tardi, sono già stati sacrificati gli elementi importanti della vita: amore, amicizia, il rapporto con la famiglia e i sentimenti puri. “La paranza dei bambini” termina senza speranza, in fondo al tunnel non si vede la luce, ma solamente una situazione che appare come un circolo vizioso e per la quale non esiste cura. Dal momento che una possibile soluzione non viene proposta quello che il film si prefigge è far conoscere una realtà, un problema sociale che non esiste solo a Napoli ma in tutte le periferie del mondo. La conoscenza di un problema è il punto di partenza per cercare di risolverlo.

L'invito è quello di ripartire dalle persone e in particolare dai giovani cercando di capire quali sono le loro esigenze,le loro difficoltà e i loro bisogni per poi costruire modelli educativi che permettano di indirizzarli verso un lavoro onesto e allontanarli così dalla non-legge della strada.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    la paranza dei bambinifilmsavianonapolicriminearmibambinifestival di berlinocinemaclaudio giovannesiromamaddalena scarabottolo



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Covid: gettata la maschera, Mario Monti: "Trovare modalità meno democratiche"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.