A- A+
Roma

di Fabio Carosi

E' l'aurora di un giorno qualunque di giugno quando, con una settimana di anticipo sulle previsioni dei bene informati, un secondo tsunami colpisce il cuore della politica romana.
Il business è sempre lo stesso: quel vizietto di procedere con affidamenti diretti, forzature e imbrogli da ladri di "polli d'oro" per dare una mano alle coop solidali di Salvatore Buzzi, solo che stavolta emerge dalla cella Luca Odevaine, il compassato ed elegante ex capo di Gabinetto di Veltroni, vero specialista del problem solving quando c'è da guadagnare sul dramma dei richiedenti asilo.Poi c'è il verde, l'assistenza sociale, gli emarginati, i rom. E ci sono pure i capi segreteria e qualche funzionario a poco prezzo.
La scure della Procura, affilata dai Ros, colpisce nel cuore della vecchia politica. Ferri ai polsi di vecchie cooscenze della navigazione costiera romana come il forzista nato nel cuore di An, Luca Gramazio e un'imbarcata di esponenti del Pd del calibro di Mirko Coratti, Pierpaolo Pedetti e Daniele Ozzimo, già martellati ai fianchi dalla prima tranche dell'inchiesta. Il fango delle intercettazioni e delle indagini lambisce le scarpe del sindaco nella misura in cui a portarlo in Campidoglio è stato il Pd che invece da questa inchiesta esce definitivamente tramortito.
Non basta il lavoro di Matteo Orfini a ridare dignità al partito romano, neanche il tentativo imbarazzante del senatore chiamato a fare da commissario a Ostia, nella missione impossibile di nascondere la polvere sotto il tappeto. E Ignazio Marino si prende la sua rivincita: con un colpo da maestro spiega che in Campidoglio (forse voleva dire nella Giunta) , "oggi ci sono persone per bene", e che persino nella Ostia che fu del Pd di Tassone, "abbiamo persone perbene che vogliono ridare la qualità di vita e tutti i diritti e la dignità che la Capitale merita". Infatti il problema della mafia cittadini è tutto del Pd che nel tempo non è riuscito nell'operazione di ricambio e ha protetto una serie di signorotti che hanno usato la politica per scopi personali che se non erano sotto gli occhi di tutti, poco ci mancava.
Che fare? Semplice: o Marino si veste da rottamatore e si vendica di quel Pd che ha cercato di ricattarlo sin dall'elezione, oppure è lo stesso Pd che obbliga i consiglieri a dimettersi e fa cadere la Giunta. Se il beau gest lo fa Marino, passerà alla storia come l'uomo della grande pulizia; se la scelta è del partito forse c'è speranza che qualche militante resista alla nausea. Poi c'è la giustizia, ma i tempi non sono queli della politica. E non sono i tempi della città che ha bisogno di cambiare volto. Anzi, di cambiare i volti. Per favore, fateci tornare al voto.

Tags:
mafia capitale 2marinopdroma capitaleodevaine
Loading...



Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Coprifuoco Roma, satira scatenata: i vigili dedicano una canzone a Conte

Coprifuoco Roma, satira scatenata: i vigili dedicano una canzone a Conte

i più visti
i blog di affari
Mario Picozza, Presidente di ANDeA, lancia un appello per la Dermatite Atopica
Redazione Trendiest News
Numeri milionari, tre giovanissimi doppiatori italiani si laureano “webstar”
Francesco Fredella
Sciami di robot guidati dall'uomo per creare composizioni pittoriche
di Maurizio Garbati

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.