A- A+
Roma
La steppa russa invade l'Abruzzo: scoperta pianta dell'era glaciale

La steppa russa invade l'Abruzzo, scoperto l'Astragalo nano. Una pianta risalente, in Italia, all'era glaciale.

 

Una grossa erba perenne, della famiglia delle leguminose, con robuste radici legnose e grandi fiori gialli. E' l'Astragalo nano Astragalus exscapus), una pianta tipica degli ambienti di steppa dell’Europa Orientale e conosciuta in Italia solo sulle Alpi. Appena fuori dai confini del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, nel comune di Ortona dei Marsi, è stata però rinvenuta dai botanici del Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali dell’Università della Tuscia (Viterbo) a sorpresa la rarissima pianta.

“Le più vicine località note di questa specie si trovano in Val d’Aosta e nei Balcani, entrambe a circa 600 km di distanza” osserva Goffredo Filibeck, docente di botanica all’Università della Tuscia. “L’astragalo nano si aggiunge ad altre specie, tipiche delle steppe asiatiche, che crescono con popolazioni isolate sui rilievi circostanti la conca del Fucino. Diciottomila anni fa, al culmine dell’ultima glaciazione, la vegetazione della penisola italiana era dominata da una steppa come quella che oggi vediamo in Asia centrale. Forse il clima continentale del Fucino, unitamente alla pastorizia praticata fin da epoca preistorica, ha mantenuto fino ai nostri giorni una piccola ‘isola’ di flora della steppa: una macchina del tempo che ci rimanda a quando qui c’erano i mammut”.

 

Tags:
stepparussiaabruzzopiantaera glacialeparcomarsica







Taxi introvabili a Roma, Nancy Brilli lasciata a piedi: l'accompagna il barman

Taxi introvabili a Roma, Nancy Brilli lasciata a piedi: l'accompagna il barman


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.