A- A+
Roma
Licenziato a gennaio si vendica: brucia la rimessa. Tradito dalle telecamere

Va a fuoco un'autorimessa in via di Castel di Leva e la Polizia effettua il fermo di un dipendente licenziato nel gennaio scorso, accusato di essere l'esecutore materiale del rogo. Ad inchiodarlo le immagini di videosorveglianza dell'officina e quelle del distributore di benzina dove aveva riempito una tanica di benzina.

Avvisati del rogo, gli agenti hanno ascoltato uno dei soci dell’autorimessa il quale ha riferito che nell’ultimo periodo aveva avuto diversi diverbi con un ex dipendente che lo minacciava e insultava mediante una nota “app di messaggistica” a seguito di licenziamento avvenuto lo scorso mese di gennaio.

Le immagini delle telecamere ricostruiscono i fatti

iGli investigatori, grazie alla visione delle immagini del sistema di videosorveglianza dell’autorimessa, hanno accertato che, la notte del 22 marzo scorso, un uomo, travisato e con abiti scuri, si era diretto verso una vettura coperta da un telo per poi versare una tanica contenente liquido infiammabile. Dopo pochi istanti, l’uomo ha riposto a terra la tanica per poi prendere un accendino e appiccare l’incendio nella zona in cui aveva versato il liquido. Gli operatori hanno poi ampliato le indagini, visionando altri sistemi di videosorveglianza di alcuni distributori di carburante che vi sono nelle vicinanze, appurando che l’uomo, prima di fare accesso all’autorimessa, si era recato presso un distributore automatico di via Castel di Leva e, dopo aver inserito una banconota da 10 euro, aveva rifornito la tanica.

Riconosciuta l'auto della compagna

Da ulteriori accertamenti gli agenti hanno riscontrato che l’uomo aveva utilizzato per tutto il tempo l’auto della propria compagna riconosciuta dal tappo mancante della benzina, che aveva lo stesso colore e gli stessi cerchi delle ruote della macchina vista attraverso le telecamere del sistema di videosorveglianza.

Per tali motivi, gli investigatori hanno rintracciato il 45enne presso la propria abitazione e lo hanno sottoposto a fermo. La Procura di Roma ha chiesto ed ottenuto dal Giudice per le Indagini Preliminari la convalida del fermo e l’adozione della custodia cautelare in carcere. L’uomo è stato associato presso la casa circondariale di “Regina Coeli”.







Elezioni europee, capolavoro dell'ovvio del Pd Tarquinio: “La pace è meglio”

Elezioni europee, capolavoro dell'ovvio del Pd Tarquinio: “La pace è meglio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.