A- A+
Roma
Luca Sacchi e la fidanzata volevano acquistare droga. "Ecco i soldi". La lite

Luca Sacchi, personal trainer di 24 anni, e la sua fidanzata Anastasia, volevano acquistare droga la sera dell'omicidio. E' quanto si apprende da fonti investigative. I due fermati nella notte si chiamano Paolo Pirino e Valerio dal Grosso: hanno 21 anni e vivono a San Basilio.  Sono accusati di omicidio e rapina.

Dunque, Luca e la fidanzata, secondo gli inquirenti  si sarebbero avvicinati ai due sospettati e gli avrebbero mostrato il denaro. I due 21 enni, presunti responsabili, sarebbero poi tornati indietro fingendo di prendere la droga oggetto della trattativa, per poi presentarsi armati di pistola e tentare di rubare lo zainetto di Anastasia. È a quel punto, sempre secondo la prima ricostruzione degli investigatori, che Luca avrebbe reagito. Poi, il colpo di pistola alla nuca.

E a portare Squadra Mobile e Carabinineri sulle tracce di uno dei sospettati è stato proprio un parente di uno dei due fermati: è andato in Commissariato e ha detto agli agenti: "Ha fatto una cazzata". Grazie a questa testimonianza, i carabinieri hanno poi rintracciato i due giovani, condotti poi a San Vitale.

LE INDAGINI

Le verifiche sono partite proprio dalla rapina del movente apparente: la rapina della borsetta di Anastasia Kylrmnyk, la fidanzata ungherese di Luca. Alla teoria di Roma in mano a balordi senza gloria e senza testa che si aggirano con una pistola in tasca e sparano solo per punire un ragazzo che li sfida per difendere una borsetta è stata affiancata quella della “saga criminale”. E per arrivare a scartare le ipotesi meno accreditate gli agenti della Squadra Mobile hanno scavato per capire se dietro una vita apparentemente lineare di Luca, la palestra, la voglia di giustizia sui social e una famiglia serena e dedita al lavoro nel ristorante del Pantheon, la Taverna delle Coppelle e quella parentela con la famiglia Simmi, che riporta alla mente l'omicidio di Flavio Simmi, freddato con 9 colpi di pistola in un'esecuzione che sembrerebbe la firma di ciò che resta della Banda della Magliana.

Infine, la storia della droga, raccontatata dai due balordi. Secondo fonti investigative, i due sarebbero stati contattati dai ragazzi per acquistare stupefacenti e da una mancata consegna di quanto pattuito sarebbe l'origine della tragedia.

Così è stato ucciso Luca Sacchi

Commenti
    Tags:
    colli albaniappio latinojohn cabot publuca sacchicaso bortuzzoragazzo ucciso a romaomicidio luca sacchiragazzo morto romaomicidio luca romaluca sacchi mortoluca sacchi muoreluca sacchi maglianaomicidio romaragazzo sparato a romaluca sacchi fidanzatasparano in testaladri sparano romasparatoria romaragazzo ucciso per difendere la fidanzata


    Loading...





    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
    Gian Maria Mairo
    PROGETTI PER CARCERI, GIUSTIZIA, VOLONTARIATO, CINEMA, DONATORI SANGUE
    Boschiero Cinzia
    Aggio esattoriale da abolire: denuncia di PIN


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.