A- A+
Roma
Mafia a Latina, 11 arresti per corruzione: c'è anche un colonnello dell'Arma

Mafia a Latina, quattro aziende specializzate nella commercializzazione del vetro sono state sequestrate mercoledì mattina dalla Polizia di Stato della provincia pontina, nell’ambito dell’operazione “Dirty Glass” diretta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma: 11 le misure cautelari emesse, una delle quali nei confronti di Alessandro Sessa, colonnello dell'Arma dei Carabinieri.

Sessa, in passato coinvolto nel caso Consip e da cui è stato poi prosciolto, è ai domiciliari mentre in carcere sono finiti tra gli altri l'imprenditore Luciano Iannotta, leader della Confartigianato in provincia di Latina, e l'imprenditore Luigi De Gregoris, 48 anni. I reati contestati nell'operazione denominata 'Dirty Glass' sono di materia fiscale e tributaria e riguardano la violazioni della legge fallimentare, estorsione aggravata dal metodo mafioso, intestazione fittizia di beni, falso, corruzione, riciclaggio, accesso abusivo a sistema informatico, rivelazioni di segreto d’ufficio, favoreggiamento reale, turbativa d’asta, sequestro di persona e detenzione e porto d’armi da fuoco. In particolare il colonnello Sessa avrebbe dato agli indagati informazioni su come evitare le intercettazioni ambientali. Al centro dell'inchiesta ancora una volta una commistione tra "colletti bianchi" e criminalità organizzata.

L'inchiesta ha portato ad individuare quella che gli investigatori definiscono una "qualificata rete di relazioni" attraverso cui gli indagati, in prevalenza imprenditori della provincia di Latina ed altri di origini campane, hanno gestito le proprie attività commerciali realizzando profitti illeciti derivanti dall'acquisizione di asset distratti da società commerciali in dissesto, dalla turbativa di procedimenti di esecuzione e da attività di riciclaggio di proventi di attività illegali.

Le attività tecniche di intercettazione effettuate dai poliziotti della Squadra Mobile del capoluogo pontino hanno consentito di accertare inoltre come il perseguimento delle finalità illecite sia avvenuto attraverso l'utilizzo sistematico di persone in forza alla pubblica amministrazione e a disposizione degli indagati nel fornire informazioni coperte da segreto d'ufficio e strumentali a proteggere le imprese criminali da eventuali indagini di polizia giudiziaria.

Viene poi ritenuta "notevole, la capacità di relazionarsi con appartenenti al mondo della criminalità organizzata", in particolare per risolvere eventuali contrasti con altri imprenditori, avvalendosi della forza di intimidazione, garantita dall'appartenenza di queste persone a clan autoctoni di natura mafiosa nel territorio di Latina.

Loading...
Commenti
    Tags:
    mafia latinacorruzionelatinamafiaestorsionemetodo mafiosocarabinierecolonnello carabinierisocietà vetro




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Scandalo Federazione bocce: presidenza a peso d'oro. Oggi decide il Gip

    Scandalo Federazione bocce: presidenza a peso d'oro. Oggi decide il Gip

    i più visti
    i blog di affari
    Si metta in lockdown chi ha paura e può vivere senza lavorare
    Giampaolo Giorgio Berni Ferretti presenta il suo libro MILANOVENTUNOPUNTOZERO
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Covid, serietà? Non è la prerogativa che più si può predicare degli italiani

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.