A- A+
Roma
Mafia a Viterbo, il processo ai boss della Tuscia: chiesti 140 anni di carcere

Oltre 140 anni di carcere sono stati chiesti dai pm della Capitale, Giovanni Musarò e Fabrizio Tucci, per una decina di imputati nel processo con rito abbreviato alla "mafia di Viterbo" scaturito dall’operazione della Direzione Distrettuale Antimafia del gennaio 2019.

 

Per i due imprenditori, ritenuti a capo dell’organizzazione a cui è stata contestata per la prima volta nel viterbese l'accusa di associazione mafiosa la procura ha chiesto 20 anni di carcere ciascuno. Si tratta di Giuseppe Trovato, 43enne di origini calabresi e gestore di alcuni compro oro, e di Ismail Rebeshi, imprenditore albanese di 36 anni nel settore dei locali notturni e della rivedita di auto.

L’ombra della mafia su locali e compro oro: 13 arresti in provincia di Viterbo

Commenti
    Tags:
    mafia viterbomafiaprocessopm romatusciaboss



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Covid, il referendum contro il green pass è una pessima strada da seguire
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    PROGETTI PER LE CITTA’ E PER LA TUTELA DELLA VISTA
    Boschiero Cinzia
    Green Pass, Italia modello del golpe globale del Leviatano tecnosanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.

    Error processing SSI file