A- A+
Roma
Mafia Capitale, Buzzi: "Con Rutelli affari d'oro, Alemanno non era corrotto"

L'ombra, le mani e i soldi di Mafia Capitale sul Campidoglio, da Rutelli in poi. È quanto ammette Salvatore Buzzi, ascoltato come testimone al filone del processo di Mafia Capitale che vede imputato l'ex sindaco di Roma Gianni Alemanno, accusato di corruzione e finanziamento illecito.  

 

Affari d'oro con Rutelli, vita più dura sotto la giunta Alemanno che gli ha fatto perdere 5 milioni di euro. Questa la versione del "ras delle cooperative", che ricostruisce la propria attività e la propria fortuna proprio da Rutelli in poi: "Nel 1993 con la vittoria di Rutelli alle lezioni di Roma la situazione per noi divenne favorevolissima, i nostri amici diventarono assessori, per l'evento del Giubileo noi ci siamo occupati della pulizia del verde. Quando è arrivato Veltroni siamo cresciuti ancora di più, fino al 2008 - prosegue Buzzi - Con l'arrivo di Alemanno in Campidoglio invece il nostro fatturato è sceso di 5 milioni, passando da 8 a 3 milioni e per questo scendemmo in piazza con le cooperative contro la nuova amministrazione capitolina. Prima di Alemanno noi eravamo i pretoriani dell'amministrazione, poi con lui sindaco la situazione cambiò".

 

"Da Rutelli in poi ho contribuito a tutte le campagne elettorali, ho finanziato tutti, solo al al Pd ho dato 380 mila euro - rivela ancora Buzzi, collegato in videoconferenza dal carcere di Tolmezzo - Nell'intercettazione in cui mi si sente dire che con Alemanno sindaco 'eravamo a cavallo' mi riferivo al contorno, non a lui direttamente, perché avevamo dalla nostra parte Franco Panzironi, ex direttore generale di Ama, che era corrotto, il quale mi obbligò a fare finanziamenti alla fondazione di Alemanno, sempre tramite altre cooperative, mai direttamente con la 29 giugno - ha aggiunto Buzzi - Le tangenti le davo a Panzironi ma Alemanno non era da considerarsi 'comprato', lui lo avrò incontrato 1 o 2 volte". 

 

Ad Alemanno, anche venerdì presente in aula, si contesta di avere compiuto atti contrari ai suoi doveri d'ufficio, ricevendo somme di denaro dal presidente della Coop 29 giugno Salvatore Buzzi, nel periodo che va dal 2012 al 2014. In particolare, si tratterebbe, secondo l'accusa, di 75mila euro per cene elettorali, di 40mila a titolo di finanziamento alla Fondazione Nuova Italia di cui Alemanno era presidente, e di circa 10mila euro in contanti.

 

"Io sono vittima di un teorema. Vi ho dato tutti gli elementi per capire la situazione, invece ora mi hanno riconosciuto anche la mafia - ha concluso Buzzi - Se fossi stato ritenuto credibile, Mafia capitale sarebbe finita e sarebbe stato un processo per corruzione".

 

Ed in merito alle parole Buzzi, immediata è stata la replica dell'ex sindaco Rutelli che diffida "ad associare l'integerrimo operato della Giunta Rutelli alle vicende riguardanti il processo contro le persone accusate nell'inchiesta del cosiddetto “‘mondo di mezzo’ ". 

"Alla luce di alcune false interpretazioni pubblicate, va chiarito che nessun addebito è mai stato sollevato, in nessuna sede, sulla nostra correttezza ineccepibile. Sino alla conclusione del nostro mandato - e, per quanto mi riguarda, sino al momento in cui è stata aperta l'indagine contro Buzzi, Carminati & c - nessun addebito è emerso verso cooperative ritenute, al contrario, meritorie per il reinserimento dei detenuti e altre attività sociali - ricorda Rutelli - Gli affidamenti per modesti lavori di pulizia di spazi pubblici che ottennero questi soggetti - prima dell’inizio della mia Amministrazione, ad esempio nella V Circoscrizione, e sino all’anno 2000 - non sono mai stati assoggettati a rilievi, perché effettuati nel pieno rispetto delle norme regionali e nazionali. Sarebbe come accusare retroattivamente la mia Giunta perché una delle centinaia di opere pubbliche da noi compiute è stata realizzata da un'impresa che sarebbe poi fallita - o incappata in vicende giudiziarie - in anni o decenni successivi” .

Commenti
    Tags:
    mafia capitalebuzzicampidogliocomunealemannocorruzionefinanziamentipdrutelliveltroniroma


    Loading...



    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Raggi bis, il sondaggio dice No. Ma vince per “fiducia”. La sorpresa Martelli

    Raggi bis, il sondaggio dice No. Ma vince per “fiducia”. La sorpresa Martelli

    i più visti
    i blog di affari
    IL CASO SAVIANO
    #Ritorno a scuola, la scelta migliore. Pensiamo alla salute dei nostri figli
    Di Tiziana Rocca
    Ascolti tv, domenica d’oro per Mediaset: Barbara d’Urso vola
    Francesco Fredella

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.