A- A+
Roma
Mafia rom, clan Di Silvio padrone di Latina. Rapine e estorsioni: 5 arresti

Mafia rom, il clan Di Silvio padrone di Latina. Violenza privata, rapina ed estorsione aggravata dal metodo mafioso: per questi reati sono state arrestate dalla Polizia di Stato, cinque persone tutte legate alla famiglia di Campo Boario tranne una.

Il blitz nei confronti del gruppo di etnia rom già protagonista di gravissimi episodi criminosi a Latina, tra gambizzazioni, tentati omicidi ed atti intimidatori di vario genere, è stato eseguito dai poliziotti di Latina, assieme al personale del Servizio Centrale Operativo e della Squadra Mobile di Roma, in collaborazione con i reparti Prevenzione Crimine della Polizia di Stato. In manette sono finiti: Costantino Di Silvio, detto “Costanzo”, nato a Latina il 24.01.63; Antonio Di Silvio, detto “Patatino”, nato a Latina il 10.11.92; Ferdinando Di Silvio, detto “Prosciutto”, nato a Latina il 30.03.97; Ferdinando Di Silvio, detto “Pescio”, nato a Roma il 13.09.01; e Luca Pes, nato a Latina il 25.08.90.

I reati, consumati negli ultimi due anni, mostrano l’utilizzo di un metodo tipicamente e tradizionalmente mafioso, caratterizzato dalla prospettazione di ritorsioni, dal riferimento esplicito ad un clan di appartenenza, dall’affermazione di un controllo del territorio da cui deriva il potere di imporre il “pizzo”, la protezione sia ad attività commerciali che a privati.

In tale contesto, gli indagati hanno fatto leva sulla fama criminale derivante dall’appartenenza al clan, ottenendo in tal modo l’assoggettamento delle vittime ed al contempo l’omertà delle stesse che hanno tollerato le pressanti richieste, senza denunciare gli autori di tali fatti, almeno fino al contatto con le forze dell’ordine. In particolare, nel primo episodio oggetto di contestazione, uno dei soggetti arrestati, dopo aver appreso di una lite condominiale degenerata in un’aggressione messa in atto da alcuni pregiudicati ai danni di famiglia ospite in un quartiere popolare di Latina, offriva a quest’ultima la “protezione”, costringendola a consegnargli 400 euro in contanti.

Le indagini hanno portato alla luce un altro episodio estorsivo commesso dagli altri arrestati nel settembre 2019, in pieno centro storico di Latina. Gli indagati, in quell’occasione, avevano simulato un incidente stradale, accusando falsamente un giovane di averli investiti con la propria vettura. A questo punto, avevano minacciato la vittima con toni perentori ed intimidatori, proponendo di risolvere la questione tramite la dazione di una somma di denaro che veniva loro consegnata, quella stessa notte, dai genitori del ragazzo, nel quartiere Campo Boario, roccaforte delle famiglie rom.

Gli elementi raccolti nel corso dell’attività investigativa hanno poi consentito di ricostruire una serie di episodi criminosi commessi dai Di Silvio, con la complicità dell’unico soggetto non legato loro da parentela, finalizzati ad estendere l’attività estorsiva ai danni di vari locali e quella di spaccio di sostanze stupefacenti, soprattutto nella zona cosiddetta dei pub di Latina.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    mafiamafia latinaclan di silviolatinapoliziarapineestorsionemafia romromdi silvio latinadi silviocampo boario



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Super Green Pass al via: un ricatto, una forma di apartheid
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.