A- A+
Roma
“Malati di Alzheimer abbandonati dal Comune”, Sant’Egidio lancia l’allarme

"Malati di Alzheimer abbandonati dal Comune di Roma", la comunità di Sant'Egidio lancia l'allarme sui tagli, da parte dell'assessorato alla Persona, scuola e comunità solidale del Campidoglio, delle prestazione affette dalla malattia.

 

Un male che richiede cure di alta specializzazione, che inevitabilmente finiranno per pesare sulle famiglie. "Tutti gli studi scientifici - afferma Sant'Egidio - rilevano una costante crescita del numero delle persone affette da Alzheimer, patologia che è stata definita in un rapporto 2012 dell'Organizzazione Mondiale della Sanita' (Oms) e dell'Alzheimer's Disease International (Adi) 'una priorità mondiale di salute pubblica'. In Italia si contano circa 600 mila persone affette da questa malattia, il 4% degli over 65. Secondo il Rapporto sullo Stato di Salute della popolazione della Regione Lazio si stima che i casi di Alzheimer e di altre forme di demenza siano intorno ai 35.000, a Roma circa 14.600 (secondo uno studio di The European House-Ambrosetti e Msd, pubblicato il 18/07/2017)".  

"Su tutto il territorio romano solo 59 persone, nel 2017, usufruivano di un'assistenza domiciliare specifica. I centri diurni (servizi semiresidenziali) fino all'anno scorso potevano accogliere circa 540 persone alla settimana. Con la nuova organizzazione tale disponibilità viene ridotta di quasi un quinto. Si tratta di circa 100 anziani che non potranno più accedere ai centri diurni - prosegue Sant'Egidio - Con quali alternative?".

Nella nuova organizzazione del 2018, continua Sant'Egidio, "è stata introdotta la possibilità per alcuni anziani, dimessi dai Centri Diurni perché considerati troppo gravi, di usufruire dell'assistenza domiciliare, erogata però solo per due mesi, quando ovviamente si tratta di persone che continueranno anche dopo ad avere bisogno di cure. Va inoltre sottolineato che si possono contare sulla punta delle dita i pochissimi fortunati che sono riusciti ad accedere ai fondi previsti per la disabilità gravissima".   

Proprio nel momento di maggiore necessità, in molti rimangono quindi assistiti solo dai familiari, talvolta unicamente dal coniuge, spesso anziano. Chi ha possibilità economiche ricorre all'aiuto di un assistente familiare, per gli altri l'unica soluzione resta l'istituzionalizzazione con tutte le conseguenze negative che questa comporta per il malato e la sua famiglia e con i costi che impone, sempre più insostenibili, per i conti pubblici. "Di fronte al grande allarme espresso dalla comunità scientifica sulla diffusione di questa malattia le scelte compiute non possono certo rappresentare una risposta assistenziale appropriata - denuncia ancora la comunità di Sant'Eugenio - Sarebbe invece opportuno chiedersi quali risorse economiche, interventi, professionalità, idee mettere in campo per sostenere con urgenza i cittadini affetti da Alzheimer e le loro famiglie nel percorso difficile di una malattia che li mette a dura prova. Un compito che dovrebbe riguardare in primo luogo chi, per dovere istituzionale, è preposto a programmare interventi sociali appropriati".

Commenti
    Tags:
    alzheimermalattiacomune di romacomunità di santi'egidiocuresalutesaniàroma




    Loading...



    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Effetto Raggi bis sull'M5S: a Roma è spaccato, in provincia come Forza Italia

    Effetto Raggi bis sull'M5S: a Roma è spaccato, in provincia come Forza Italia

    i più visti
    i blog di affari
    Giampaolo Giorgio Berni Ferretti presenta il suo libro MILANOVENTUNOPUNTOZERO
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Covid, serietà? Non è la prerogativa che più si può predicare degli italiani
    Carlo Curti Gialdino, Diritto diplomatico-consolare internazionale ed europeo
    Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.