A- A+
Roma
Malati di mente, guida letteraria alla sopravvivenza in casa: il libro

di Patrizio J. Macci

L’irruzione della follia e della malattia mentale in una famiglia della borghesia romana è il cuore del romanzo di Maurizio Sbordoni quarantenne romano alla sua terza prova narrativa.

Uno scrittore che svetta per ironia innanzitutto verso se stesso. Si presenta, infatti, ai lettori nella bandella di "QUARKS!" in libreria per i tipi di Elliot edizioni dichiarando di essersi laureato in economia dietro sollecitazione del padre e con la “complicità penale della sorella”.

Basta leggere alcune pagine per comprendere che Pirandello è dietro l'angolo: “Era un soleggiato 15 novembre del 2014, il giorno in cui mia suocera Silvana decise di uscire portandosi dietro solo quello che indossava in quel momento. Non aveva fatto in tempo, per fortuna, a preparare un trolley dove ammucchiare una collezione di dolori che avrebbe fatto invidia a più di un professore. Non era riuscita, grazie a Dio, a recuperare il suo inseparabile rosario bianco, sgranato fino al consumo. Aveva perfino dimenticato il beauty case, pieno di quei trucchi con cui imbellettava i traumi per colorarli alla vista del mondo. Elegante come sempre, con la giacca di Burberry in tinta con dei graziosi pantaloni che le scendevano fino alle caviglie, aveva deciso che era arrivato il momento di cambiare vita, creandone una che fosse solo sua. Non era uscita di casa, ma di testa. Non sarebbe più rientrata”.

Quark è un termine usato in ambito scientifico nella fisica delle particelle, una parola dal suono onomatopeico evocante una papera che James Joyce usava per rivolgersi alla figlia affetta da schizofrenia. Sbordoni le fa assumere un nuovo significato usandola come suggello del suo lavoro.Silvana si ammala di quello che gli psichiatri definiscono all’inizio genericamente "psicosi", sua figlia Simona e il genero Maurizio, per evitare di debordare verso la follia con lei, la utilizzano come via di fuga per troncare i deliri paranoici della donna. Perché una malattia mentale coinvolge a tal punto la famiglia del malato da rischiare di portarsi appresso tutti, come mobili da giardino dopo un uragano: dal cane al gatto, dalla figlia alle badanti, dai vicini di casa al genero. Danzano tutti sull'orlo del baratro, dal quale Maurizio racconta, con disincantata e politicamente scorretta ironia, di una famiglia che si stringe attorno alla suocera, di una figlia ritrovata, di un padre egoista, tra speranze di guarigione, ricoveri coatti, luminari della medicina che spesso non sanno che pesci pigliare, scene surreali e una folle via crucis in cerca di una struttura idonea che aiuti tutti a sopravvivere. La narrazione disincantata ma non per questo meno veritiera di una famiglia che saltella senza rete di protezione sul sottilissimo filo che demarca i sani dai folli. Un cinismo raramente visto negli scrittori italiani è il tracciante rosso di inchiostro con il quale l’autore colora le sue parole.

L'evento che potrebbe accadere a chiunque in qualsiasi momento, piomba come un meteorite nell’equilibrio di una famiglia già di per sé “squilibrata” tirando fuori l’autore dalle secche del silenzio narrativo donandogli il materiale per un libro cattivo e determinato dove il primo ad essere messo in discussione è l’autore stesso. Alan Bennet re della cattiveria fa capolino in alcune pagine di Sbordoni dove l’autore è affilato come un rasoio di diamante. La tragedia apparente si trasforma, nel finale, in qualcosa di veramente nuovo.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    malati di mentemalattie mentalipsicosischizofreniapatrizio j. maccimaurizio sbordoniquark



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Trieste, repressa la protesta pacifica: l'immagine del golpe globale
    Attenzione: Fisco sospeso solo a metà
    LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
    Di Ernesto Vergani


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.