A- A+
Roma
"Marino donatore", è una bufera. Vietato per chi è stato in Usa

Montatura ad uso e consumo dei media o grave disattenzione? Sulla donazione del sangue del sindaco Marino, fotografato e ripreso su un lettino dell'ospedale Sant'Andrea con un ago nel braccio e il sorriso stampato, esplode la polemica.
Già, perché secondo il Giornale d'Italia diretto da Francesco Storace, quella donazione Marino non la poteva fare perché vietata dalla normativa che prevede l'esclusione per 28 giorni in caso di viaggi all'estero in Paesi come il Canada e gli Stati Uniti. Pesantissimo il commento di Storace che affida a un articolo del titolo "Sangue falso" quella che viene definita una "comparsata per una donazione ingannatrice". E a documentazione dell'accusa cita il sito dell'Avis dove compare appunto una circolare che spiega i motivi del "divieto". E se non basta l'Avis anche il Centro Nazionale Sangue espone identica normativa, trasmessa al ministero della Salute. Conti alla mano, se il sindaco è tornato a Roma il 3 settembre dopo il tour Stati Uniti-Caraibi, sino ai primi giorni di ottobre non avrebbe potuto donare il sangue. "Una sceneggiata - si legge - servita solo ai gonzi, alle televisioni e ai fotografi... con un messaggio devastante sul piano comportamentale".
E interpellato da affaritaliani.it il presidente dell'Avis Lazio, Fulvio Vicerè conferma l'esistenza della circolare e del conseguente divieto: "O è inabile lui o il medico che l'ha intervistato prima del prelievo", commenta sarcastico ma poi aggiunge: "Forse ha voluto dare l'esempio come primo cittadini per risvegliare i romani, visto che proprio a Roma c'è una grande carenza di sangue".
Se non basta l'Avis a mettere in difficoltà il sindaco chirurgo, la tabella del Centro nazionale Sangue parla chiaro: "Sospensione delle donazioni per chi ha soggiornato i Romania, Israele, Austria. Serbia, Ungheria, Portogallo, Stati Uniti e Canada". Il provvedimento è stato deciso per combattere la diffusione del virus West Nile, provocato dalle zanzare e ancora senza un vaccino idoneo. Chi ha sbagliato allora? Il sindaco medico o il collega del Sant'Andrea?

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ignazio marinosangueavisusacenro nazionale sanguestoracesospensione donazioniwest nile virus



Orso Marsicano: entro 30 anni l'estinzione. L'allarme del Wwwf: rimasti in 50

Orso Marsicano: entro 30 anni l'estinzione. L'allarme del Wwwf: rimasti in 50

i più visti
i blog di affari
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.