A- A+
Roma
Massimo Fagioli, nella mente di migliaia di persone ma ignorato da Wikipedia

di Patrizio J. Macci

Massimo Fagioli è morto. E noi dovremo fare i conti con quello che vorrà dire per noi. Per noi giornale, per noi comunità, per noi mondo di idee. Tante tantissime le sue, idee rivoluzionarie con cui abbiamo riempito anni di vita, di politica, di sinistra, di affetti, di figli.

 

Indimenticabile per noi, che abbiamo fondato questo giornale, il giorno in cui andammo a chiedergli di scrivere per Left, ogni settimana. Tutte le settimane, senza sosta. Una scelta di campo netta. Chiara come il sole. Così lo hanno ricordato i compagni della sua rivista “Left”, altri hanno scritto parole come “guru”, “santone” fatto apprezzamenti sul suo abbigliamento e su alcune pose estetiche socratiche che avevo assunto come un vezzo; “anche i compagni mangiano Fagioli” la battuta che racconta la sua vicinanza alla sinistra di Bertinotti. Sono tutte definizioni che limitano l’attività di Massimo Fagioli e della sua attività decennale di psichiatra. Fagioli era semplicemente indefinibile.

Wikypedia lo ignora
La conferma si può trovare nell’assenza della voce dedicata alla sua attività di studioso sull’enciclopedia online Wikipedia. Forse aveva screziato anche con loro, ma poco importa. Era un cane sciolto, senza padrini né padroni. Le sue sedute di analisi collettiva nello spazio di Trastevere a Piazza San Cosimato a un certo punto erano diventati un appuntamento di cui parlare in società. L’ingresso era aperto a tutti, arrivavano centinaia di persone tra cui molti semplici curiosi. Tutti uditori ospitati gratuitamente, chi voleva al massimo poteva lasciare un obolo.

Dall'architettura al cinema
Quando la ricerca non gli era bastata più si era dedicato all’architettura, al cinema con Marco Bellocchio che vide l’incontro con lo psichiatra come la folgorazione sulla via di Damasco: “Gli incontri con Massimo cambiano la vita”, spiegò l’autore de I Pugni in tasca che artisticamente vide una vera e propria resurrezione dopo le sedute collettive con Fagioli frequentate fin dal 1976. Il diavolo in corpo (1986), film che ha nella sceneggiatura brigatisti rossi che fanno sesso nella gabbia degli imputati in un’aula di tribunale, è il primo. Una marea di polemiche roventi. Perché il produttore del film, Leo Pescarolo, convocò la stampa in fretta e furia e disse che il regista era stato “plagiato” nel montare il film da Fagioli. Poi la rottura anche con Bellocchio, sofferta e mai rimarginata. Secondo alcuni la scena nel film “Buongiorno Notte” in cui una dei protagonisti è indaffarata a preparare alcuni fagiolini in cucina, sarebbe una sottile allusione ironica all’attività di quello che Bellocchio aveva ritenuto un maestro. Se la sua esistenza potesse essere concentrata in una sola frase, probabilmente quella giusta sarebbe “non smise mai di fare ricerca”.

Tags:
wikipediamassimo fagiolipsichiatriapsichiatrapatrizio j. macci
Loading...



Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Coronavirus: Elisa D'Ospina posa in lingerie davanti al frigorifero di casa

Coronavirus: Elisa D'Ospina posa in lingerie davanti al frigorifero di casa

i più visti
i blog di affari
Coronavirus. Roberto De Wan con la sua arte è in prima linea contro COVID-19
di Paolo Brambilla - Trendiest
Coronavirus: mancano le mascherine, ma presto avremo i bavagli
di Diego Fusaro
Coronavirus e patologie pregresse: i meccanismi che regolano le malattie
di Giusi Urgesi

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.