A- A+
Roma
Massoneria, roba per studenti. Antonio Binni fa il tutor a Palazzo Vitelleschi

Studenti di Liceo a scuola di Massoneria, perché “La massoneria è una realtà che esiste da trecento anni e oggi questi ragazzi hanno avuto la possibilità di conoscerla, non più solo sui libri ma nella realtà, venendo qui nella nostra sede”.

 


Antonio Binni Gran Maestro della Gran Loggia d’Italia degli A.L.A.M. ha accolto a Palazzo Vitelleschi gli studenti del Liceo Scientifico “Kennedy” di Trastevere, un centinaio di ragazzi del 4° e 5° Liceo che hanno visitato il Museo e i Tempi massonici di Palazzo Vitelleschi; ad  accompagnarli alcuni professori e la Preside dell’Istituto, per quella che è stata la prima visita di una scolaresca nella sede della Gran Loggia d’Italia.

“Il mondo è dei giovani, è giusto che conoscano, poi ognuno si farà un’opinione. Noi – sottolinea il Gran Maestro - vogliamo semplicemente far vedere che esistiamo e far conoscere i nostri valori: la massoneria da tre secoli rappresenta una esempio di società fondata sul principio dell’uguaglianza, della libertà e della fratellanza”. Molte le domande che i ragazzi hanno rivolto al Gran Maestro, dal significato dei simboli che caratterizzano il linguaggio massonico, al pensiero filosofico di Socrate fino all’attualità e le notizie di stampa di questi ultimi giorni che riguardano la massoneria.
“Siamo felici di ospitarvi oggi, felici di avervi qui anche per sfatare pregiudizi e ignoranza: nelle logge – ha detto Binni alla platea di giovani riuniti nel Tempio della sede nazionale - si studia, si conosce, si approfondisce, ci si confronta. La libertà è il nostro l’epicentro, libertà di pensiero ma soprattutto libertà di coscienza, quella che ci consente di discernere il giusto dall’ingiusto, il bene dal male, il buono dal cattivo. La nostra volontà è formare uomini liberi, uguali e fratelli. E voi – ha esortato il Gran Maestro - studiate, studiate tanto, imparate, conoscete, siate curiosi, perseveranti, coerenti nelle vostre scelte, solo così potrete essere uomini liberi”.

A lezione di Risorgimento
Grande interesse ha destato tra gli studenti il racconto del Gran Maestro Binni degli uomini che hanno fatto il Risorgimento e dei tanti personaggi in particolare della cultura italiana, da Carducci a Pascoli, D’Annunzio che sui valori della massoneria hanno scritto pezzi della storia del paese. Così come molta curiosità c’è stata per gli oggetti esposti nel Museo, dai paramenti massonici di Ernesto Nathan il primo sindaco di Roma, ai preziosi monili donati alla Gran Loggia d’Italia.
 “Venire a contatto con la nostra obbedienza – conclude  il Gran Maestro Binni - credo sia una esigenza dei tempi moderni, il mondo si evolve, è sempre più aperto e globale ed è quindi giusto che i ragazzi conoscano direttamente ciò che li circonda, realtà, come la massoneria, che da sempre fa della libertà la propria ragione”.

Tags:
massoneriagran loggia d'italiaantonio binniliceo kennedystudenti
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Stadio Roma: tra Raggi e De Vito esplode l'amore. Le capriole dell'M5S romano

Stadio Roma: tra Raggi e De Vito esplode l'amore. Le capriole dell'M5S romano

i più visti
i blog di affari
Cartelle mai notificate? condannato il concessionario
Pagamenti pos, finlandesi indebitati. Ecco perché tolgono i contanti in Italia
di Diego Fusaro
Rotary Milano Porta Vercellina: il prof.Antonio Padoa Schioppa parla di Europa
di Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.