A- A+
Roma
Meno gente in metro: Atac chiude per lavori 7 stazioni. Quattro mesi d'inferno

Il Coronavirus svuota le metropolitane di Roma e l'Atac chiude le fermate per lavori: si fermano sette stazione delle Metro A tra novembre e febbraio per la sostituzione dei quadri elettrici delle fermati, vecchi di quarant'anni. Per i romani che ancora si affidano alla metropolitana si preparano quattro mesi d'inferno.

Secondo un report della municipalizzata dei trasporti, continua a diminuire il numero complessivo dei viaggiatori nelle linee della metropolitana di Roma: nell'intera giornata di giovedì 12 novembre, ad esempio, hanno viaggiato complessivamente 260.000 persone in calo del 35% circa rispetto agli ingressi del primo ottobre scorso. Il dato è in calo di circa il 65% circa rispetto a un anno fa. “In media – scrive Atac in una nota – viaggiano sui treni circa 300 persone che corrispondono al 25% della capienza complessiva di un treno con picchi massimi stimati pari a circa 500 unità. Quasi ogni minuto il treno effettua una fermata aprendo per circa 30 secondi le 24 porte presenti sulla fiancata. Ciò consente un ricambio d'aria che si aggiunge a quello garantito dagli impianti di ventilazione presenti su treni. Il personale Atac, nei limiti consentiti dalle norme vigenti e dalle disponibilità dell'azienda, presidia i principali nodi del sistema metropolitano e limita gli accessi in metro ogni volta che se ne ravveda la necessità. Dall'entrata in vigore dei nuovi limiti di presenza sui mezzi, salvo eventi particolari legati a guasti treno o impianti che sono stati gestiti contingentando gli accessi, non si sono registrati superamenti stabili di tali soglie”. Da qui la decisione di iniziare ore i lavori nelle stazioni della linea arancione.

I lavori inizieranno il prossimo 19 novembre alla stazione Flaminio, che rimarrà chiusa fino al 22 novembre incluso. La sostituzione degli apparati elettrici nelle ultime sette stazioni “consentirà una maggiore affidabilità dell'infrastruttura”, spiega l'Atac aggiungendo che ha già provveduto ad aggiornare gli impianti elettrici delle altre stazioni della Metro A e Metro B.

“Per la stazione Flaminio e le altre sei incluse nel piano - si legge ancora nella nota - si è resa necessaria la chiusura, perché occorre sostituire integralmente i quadri elettrici generali, mai cambiati da quando le stazioni sono entrate in esercizio. Attività che comporta l'interruzione di tutti i servizi, compresi gli impianti di traslazione e di illuminazione”.

Alla chiusura della stazione Flaminio seguirà quella della stazione Ottaviano, dal 25 al 28 novembre. Quindi toccherà alla stazione Vittorio Emanuele, chiusa da 3 al 6 dicembre; poi la stazione Lepanto, dal 2 al 5 gennaio; Spagna dal 20 al 24 gennaio 2012; Barberini dal 25 al 31 gennaio e infine alla stazione Repubblica, dal 18 al 21 febbraio.

Commenti
    Tags:
    metro ametro a chiusalavori metro alavori metrometro romaatacstazioni metro a


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Dimissioni Zingaretti, lo zar sulla via del tramonto. Chiuso il Ventennio Pd

    Dimissioni Zingaretti, lo zar sulla via del tramonto. Chiuso il Ventennio Pd

    i più visti
    i blog di affari
    Isagro SpA. Importanti movimenti azionari nella compagine di controllo
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Viviamo nel tempo degli asterischi e dell'impotenza di massa
    Di Diego Fusaro
    Sanremo, Festival della deriva sentimentale e non artistica
    Di Ernesto Vergani

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.