A- A+
Roma
Morte Ciro Esposito, la Cassazione conferma condanna a 16 anni per De Santis

Daniele De Santis condannato a 16 anni. A 4 anni di distanza arriva il verdetto della Corte di Cassazione, che mette la parola "fine" sulla morte di Ciro Esposito.

 

La Suprema Corte ha confermato la condanna a 16 anni di reclusione per l'ex ultras romanista De Santis, che il 3 maggio 2014 sparò, ed uccise, il tifoso napoletano Ciro Esposito nei pressi dello stadio Olimpico. Gli "ermellini" hanno così ribadito il precedente verdetto della Corte d'Appello, che aveva ridotto la condanna da 26 a 16 anni per De Santis, respingendo il ricorso presentato dal tifoso romanista.
 

Commenti
    Tags:
    ciro espositomortede santiscassazione. condannasentenzastadio olimpiconapolias romaroma




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Rabbia da lockdown, notte di guerriglia a Roma. “Esplode" piazza del Popolo

    Rabbia da lockdown, notte di guerriglia a Roma. “Esplode" piazza del Popolo

    i più visti
    i blog di affari
    Cinema. Terra di Siena Film Festival 2020. Le interviste di Alessandra Basile
    Redazione Trendiest News
    Il sonnellino della Ragione genera lockdown
    di Maurizio De Caro
    Nuove restrizioni? 10, 100, 1000 Napoli!
    Di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.