A- A+
Roma
Morte Desirée. Crolla l'accusa contro il pusher italiano: "Non diede la droga"

Resta in carcere Marco Mancini, pusher italiano fermato nei giorni scorsi, ma il gip lascia cadere l'aggravante di cessione di sostanza stupefacente ad un minore: "Non diede lui la droga a Desirée".

 

È l'ultima ipotesi del gip Maria Paola Tomaselli, al termine dell'interrogatorio di garanzia con l'uomo dal carcere di Regina Coeli.Il giudice ha convalidato il fermo emettendo una misura cautelare in carcere , lasciando, però, di fatto cadere per l'indagato l'aggravante dellacessione di sostanza stupefacente ad un minore. L'uomo è accusato di detenzione e cessione di stupefacenti, ma per il gip non avrebbe ceduto la droga a Desirée.
 

Commenti
    Tags:
    morte desirèeaccusapusherspacciodrogagiparrestosan lorenzoroma


    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Coronavirus, Nerola ex zona rossa presenta il bracciale per il distanziamento

    Coronavirus, Nerola ex zona rossa presenta il bracciale per il distanziamento

    i più visti
    i blog di affari
    Fase 2, voglio andare al mare. Vacanze (semi-serie) negli Stati Uniti d'Italia
    di Maurizio De Caro
    Le pandemie sono globali, la cultura no
    Juliette Raymond, Avv. Cristiano Cominotto
    Le imprese devono poter controllare il Fisco

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.