A- A+
Roma
Morte Desirée Mariottini, la svolta: chieste quattro condanne all'ergastolo

Morte Desiree Mariottini, la svolta: per l'omicidio della 16enne di Cisterna di Latina trovata senza vita il 19 ottobre del 2018 in uno stabile abbandonato del quartiere San Lorenzo, la Procura di Roma ha chiesto la condanna all'ergastolo, con isolamento diurno per un anno, per tutti e quattro gli imputati.

Si tratta degli africani Alinno Chima, Mamadou Gara, Yussef Salia e Brian Minthe, accusati a vario titolo di omicidio volontario, violenza sessuale aggravata e cessione di stupefacenti a minori.

All’udienza, che si è svolta a porte chiuse nell’aula bunker di Rebibbia davanti alla terza corte d'assise, i pm Maria Monteleone e Stefano Pizza hanno chiesto l’assoluzione per Gara solo in relazione alle accuse di cessione di stupefacenti e induzione alla prostituzione.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    morte desiree mariottinimorte desireedesiree mariottinicisterna di latinaergastoloviolenza sessualeomicidio volontarioomicidio desireedesiree mariottini processoalinno chimamamadou garayussef saliabrian minthe



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Attenzione: Fisco sospeso solo a metà
    LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
    Di Ernesto Vergani
    Vaccini obbligatori ai bambini, che cosa fare quando l'ex coniuge si oppone
    di Avv. Maria Grazia Persico*


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.