A- A+
Roma
Movida vietata dalle 21: Vigili urbani in rivolta, "Stavolta non ci crediamo"

Il lockdown a Roma è già iniziato quasi spontaneamente con vie e piazze semideserte ma sul provvedimento di chiusura dalle 21 alle 24 in alcune piazze della movida e sul divieto totale di circolazione dalle 24, si addensano nubi nere.

Dopo l'addio del comandante dei Vigili Urbani, Antonio di Maggio col suo stile da sceriffo e una capacità unica di schierare il Corpo in strada, stavolta tra i pizzardoni romani regna il malumore e il provvedimento di chiusura dalle 21 alle 24 a Campo de Fiori, Monti, piazza Trilussa e al Pigneto rischia di rimanere senza controlli. Insomma, tra i vigili tira aria di rivolta, perché la decisione di chiusura al venerdì e al sabato di 4 piazze non solo “è inutile, ma avrò come unico effetto quello di far spostare i ragazzi creando una sorta di transumanza della movida.

Spiega ad affaritaliani.it un agente che chiede l'anonimato per non incorrere in sanzioni disciplinari da parte del Comando: "Il problema é che a differenza del marzo scorso é lo stesso personale in divisa a non credere più nell'efficacia e a volte nella stessa legittimità di alcune delle restrizioni imposte. Ad aver avuto il coraggio di parlarne per primi, aderendo alla manifestazione di Piazza San Giovanni, due sindacalisti d'assalto, Milani e Fabrizi, che sarebbero stati anche sospesi dal sindacato per questo. Il problema però sarebbe molto sentito e trasversalmente diffuso tra tutte le sigle, le quali più "diplomaticamente" cercano di colpire spostando l'attenzione sul mancato riconoscimento legale, ai Poliziotti Locali, di tutori dell'Ordine Pubblico, che per l'appunto renderebbe i controlli sull'osservanza dei Dpcm, estranei alle attività di istituto del Corpo”.

E dunque non andranno a fare i controlli?

“Sono lontani i tempi della primavera scorsa, quando agli ordini del generale Antonio Di Maggio, si riusciva ad impegnare una media di 700 agenti, per ognuno dei tre turni di servizi Covid 19 e un impressionante numero di sanzioni e controlli, che si attestava su una media giornaliera di circa 7000”.

Sarà un flop?

“Forse e qualcuno dovrebbe chiedersi perché, cosa è accaduto dal primo lockdown alle restrizioni di oggi che vorrebbero far restare tutti a casa. E dovrebbe chiedersi anche perché Ponte Milvio, San Lorenzo e l'Ostiense non sono state considerare zona della movida”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    movidamovida romavirus trasteverepiazze vietate romamini lockdownlockdown romavigili urbani romacontrolli virus romaroma by night




    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma, Virginia Raggi dà il premio Covid ai Comunali, una tantum da 922 euro

    Roma, Virginia Raggi dà il premio Covid ai Comunali, una tantum da 922 euro

    i più visti
    i blog di affari
    "Avvinamenti - vino, cibo, emozioni". Il nuovo libro di Daniele Sottile
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Addio a Maradona, il mondo si inchina a un genio assoluto
    Di Ernesto Vergani
    Vaccino covid: trasparenza nella comunicazione e task force per distribuirlo
    Di Tiziana Rocca

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.