A- A+
Roma
Nerone, il musical: vince il Palatino e l'omaggio a Renato Zero. Perplessi

di Emma Evangelista


Nerone, un'attesa lunga per un musical che si annunciava come incendiario per le menti e per le orecchie. Costruito a tavolino da ben sei maestri dello spettacolo che vince grazie alla complicità del Palatino e delle scenografie da brivido ma non convince. Soprattutto perché Nerone che brucia Roma ricorda molto l'imperatore Renato Zero.


All'anteprima del kolossal tutto rock il jet set romano ha atteso due ore in fila, senza mormorare, l'inizio di quella che si annunciava come la madre di tutti i musical, firmato da Franco Migliacci, Gino Landi, Dante Ferretti, Gabriella Pescucci, Francesca Lo Schiavo e Luise Bacalov. In platea tutti i fotografi si dividevano tra Francesco Rutelli e Barbara Palombelli, Roberto D'Agostino e i Sovrintendenti di Roma, mentre in attesa dell'inizio si aggiravano Luca Barbareschi e Claudio Strinati a salutare amici e conoscenti tantissimi i vip e i volti della tv noti e meno noti che hanno riempito gli spalti per l'inaugurazione.

Un musical studiato a tavolino da nomi altisonanti che hanno fatto la storia e la fortuna della musica, del teatro e del costume che hanno creato sul Palatino uno spettacolo suggestivo per gli effetti scenografici ma che lascia perplessi per i testi, conditi da alcune battute triviali e forse troppo esplicite, mentre lo spettatore s'interroga sulle somiglianze evocative di alcune canzoni che forse vogliono essere un omaggio ad artisti di successo come Loredana Bertè o Renato Zero, quasi fossero cammei da grande schermo. E proprio a sua maestà Renato Zero sembra ispirato il personaggio di Nerone che nel primo atto si trasforma in imperatore 'rock' con tanto di festa in discoteca, giacca di paillette e tacchi alti, evocando più la caricatura di una drag queen che quella di un giovane imperatore tormentato e che del grande Renato  innovatore e re dei sorcini evoca il colore ma non la capacità di sorprendere e cambiare la storia della musica con parole importanti.

Coreografie entusiasmanti
Invece, le coreografie, le scene e i costumi sono davvero entusiasmanti, così come le realizzazioni grafiche, i giochi di luce e le proiezioni olografiche che rendono maestoso ed imponente lo show dall'inizio fino al famigerato incendio che tanto ha preoccupato e impegnato la soprintendenza capitolina nella difesa del Palatino. I numeri dello spettacolo sono imponenti come si addice ad un'opera che parla di un imperatore romano, con 28 cambi di scena e 36 pezzi musicali ed un corpo di ballo che cambia insieme agli attori che vestono 300 abiti.
Una prima ricca di colpi di scena, dovuti, forse, ad un'attesa troppo estenuante per un pubblico non più giovanissimo che tra il primo e il secondo atto (a mezzanotte) si è dimezzato ed ha preferito ritirarsi in buon ordine.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
neronemusicalpremi oscarpalatino. musical rockrenato zerogino landidante ferrettifranco migliacci



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Dentro la pandemia, le complessità del mercato del lavoro
Green Pass, non è scienza se censura l'interlocutore
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.