A- A+
Roma
Omicidio a Roma per una lite: albanese ubriaco uccide a coltellate un tunisino

Nella notte, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Montesacro hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto un cittadino albanese di 41 anni, incensurato, con l’accusa di omicidio aggravato.

L’uomo, intorno alle 23 di ieri, in largo del Badile, zona Tiburtino III, al culmine di una discussione sorta per futili motivi con un suo conoscente – un cittadino tunisino di 33 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine – in un eccesso di rabbia aggravata dallo stato di ebbrezza alcolica, avrebbe colpito più volte, con un’arma da taglio, il suo contendente, procurandogli delle gravissime ferite al torace e alla testa, risultate letali.

Subito dopo l’omicidio, il 41enne si sarebbe allontanato dal posto. A seguito dell’attivazione da parte del personale sanitario che ha tentato – invano - di soccorrere la vittima, sul luogo del delitto sono intervenuti i Carabinieri della VII Sezione del Nucleo Investigativo di Roma per i rilievi tecnici, mentre i militari del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Montesacro hanno immediatamente avviato un’attività d’indagine che ha portato, nella notte, all’identificazione del presunto responsabile.

Il 33enne è stato rintracciato dai Carabinieri mentre camminava, apparentemente senza meta, lungo la via Tiburtina. Al momento del fermo, il cittadino albanese si era disfatto sia dei vestiti indossati durante l’aggressione, sia dell’arma utilizzata: sono ancora in corso i sopralluoghi dei Carabinieri finalizzati al rinvenimento dell’arma.

La maglia, ancora sporca di sangue, è stata, invece, trovata dai militari in un cassonetto dell’immondizia. In caserma, durante l’interrogatorio, l’uomo ha ammesso le proprie responsabilità in merito all’omicidio e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato portato nel carcere di Regina Coeli.

La salma del cittadino tunisino è stata trasportata all’Istituto di Medicina Legale del “Verano” per il successivo esame autoptico.

Carabinieri trovano l'arma: è un coltello lungo 24 cm

E’ stato ritrovato e sequestrato, sempre dai carabinieri del Nucleo Operativo Roma Montesacro, il coltello utilizzato per l’omicidio del tunisino di 33 anni. La lama, lunga circa 24 centimetri, è stata ritrovata ancora sporca di sangue all’interno di una campana per la raccolta dei rifiuti in vetro che si trova nella zona dell’omicidio.

Commenti
    Tags:
    imicidioomicidio romadelitto romatunisino mortoalbaneseubriacocarabinieri



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Green Pass obbligatorio, Italia avamposto del nuovo ordine terapeutico
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Brunetta non va al Premio Socrate: c'è Palamara
    Green Pass, il lasciapassare per i sudditi del capitalismo terapeutico
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.