A- A+
Roma
Omicidio a Roma, uomo ucciso a martellate in un'azienda: il figlio confessa

Ha confessato di aver ucciso suo padre con una martellata in testa il 40enne fermato dai poliziotti del commissariato Aurelio e dai colleghi della Squadra Mobile per l'omicidio di Adolfo Ciammetti, 76enne ritrovato morto martedì pomeriggio alle 17.49 nella sua azienda di via Soriso, in zona Aurelio, nella Capitale.

 

La vittima, secondo quanto si apprende, non era raggiungibile da questa mattina e la figlia aveva deciso di denunciare la sua scomparsa alla polizia. Sono iniziate immediatamente le ricerche che nell'arco della giornata hanno portato all'arresto del 40enne. Il fermato avrebbe diversi precedenti penali tra cui quello per truffa.

Uomo ucciso a martellate: a base omicidio motivi economici

Ci sarebbero motivi economici e attriti familiari alla base della lite che ha portato all'omicidio di Adolfo Ciammetti. Secondo una prima ricostruzione, il 40enne, dal nome Daniele, avrebbe chiesto dei soldi a suo padre che si sarebbe opposto. Lì sarebbe nata una lite finita poi in tragedia.

Commenti
    Tags:
    uomo morto aziendamartellatauomo uccisoomicidioomicidio roma



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Luoghi dell’anima: le “piccole case” di Bruno Messina
    di Mariangela Turchiarulo
    FSBA: ANNULLATE LE SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO
    Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.