A- A+
Roma
Omicidio Cerciello, bendarono l'americano: due carabinieri a rischio processo

Omicidio Mario Cerciello Rega, la Procura di Roma ha chiuso le indagini sul filone di inchiesta relativo alla foto di Christian Gabriel Natale Hjorth, l'americano accusato di concorso nell'omicidio del vicebrigadiere, bendato nella caserma dei carabinieri di via in Selci poco dopo il fermo: a rischiare il processo sono due carabinieri. Anche un terzo militare dell'Arma verso il tribunale.

 

Il primo ad essere stato individuato grazie alle indagini dei carabinieri del Nucleo Investigativo, coordinati dal procuratore facente funzioni Michele Prestipino e del procuratore aggiunto Nunzia D’Elia, era stato il carabiniere Fabio Manganaro per aver bendato l’americano, accusato ora di misura di rigore non consentita dalla legge. Successivamente era stato iscritto nel registro degli indagati l’altro militare Silvio Pellegrini per abuso di ufficio e per pubblicazione di immagini di persona privata della libertà per aver scattato la foto del giovane californiano e averla poi diffusa.

Nell’avviso di conclusione indagine della Procura di Roma nei confronti del carabiniere Silvio Pellegrini viene riportato che l’immagine di Gabriel Natale Hjorth bendato è stata diffusa "su almeno due chat Whatsapp, delle quali una dal titolo 'Reduci ex Secondigliano' con 18 partecipanti, dalla quale veniva poi ulteriormente diffusa da terzi ad altri soggetti e chat" arrecando al giovane californiano "un danno ingiusto". Inoltre avrebbe anche fornito "specifiche indicazioni sui primi risultati investigativi ottenuti (circa ad esempio il fatto che i ragazzi erano in cerca di cocaina) violando quindi i doveri inerenti alle funzioni o al servizio o comunque abusando delle sua qualità, rivelava a terzi notizie che dovevano rimanere segrete e comunque agevolava la conoscenza".

bendato
 

Infine rischia il processo anche l’ex comandante della stazione dei carabinieri di piazza Farnese, Sandro Ottaviani, che la notte dell’omicidio del vicebrigadiere Cerciello Rega aveva affermato di aver ricevuto la pistola d'ordinanza da Andrea Varriale, collega della vittima, al pronto soccorso dell’ospedale Santo Spirito. La Procura di Roma, che ora ha chiuso le indagini, gli contesta il reato di falso. Successivamente è stato accertato infatti che anche Varriale, oltre che Cerciello Rega, era disarmato. Sentito dai pm il 9 agosto Varriale aveva ammesso di essere andato disarmato all'appuntamento con i due americani dove il collega Cerciello Rega venne colpito a morte con 11 coltellate.

Loading...
Commenti
    Tags:
    omicidio cerciellomario cerciello regacarabiniere uccisocarabiniere ucciso a romacerciellocerciello reganatale hjortamericano bendato




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Comunali Roma 2021, a sinistra c'è fermento. Paolo Berdini studia da sindaco

    Comunali Roma 2021, a sinistra c'è fermento. Paolo Berdini studia da sindaco

    i più visti
    i blog di affari
    Il dibattito presidenziale, semplicemente un brutto show
    Niram Ferretti
    Pompeo ha ragione: Vaticano non rinnovi intesa con Pechino su nomina vescovi
    Ernesto Vergani
    Reati, la giurisprudenza come la medicina: prevenirli è meglio che sanzionarli
    Di Valentina Eramo *

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.