A- A+
Roma
Palazzo Madama covo di scienziati: da Galileo a Caravaggio. Ecco la storia

Palazzo Madama nel 1589 era il punto di ritrovo di scienziati e studiosi come Galileo Galilei e Caravaggio. A creare tutto ciò fu il Cardinale Francesco Maria Del Monte. Nasce oggi una fondazione a suo nome che si focalizzerà sulla ricerca delle problematiche culturali, politiche, scientifiche e artistiche del Tardo Rinascimento.

 

Il 4 febbraio 2019 a Palazzo Madama, sede del Senato, è stata presentata in maniera ufficiale la Fondazione Cardinale Francesco Maria Del Monte. Attraverso un convegno incentrato sul tema “Il Cardinale Francesco Maria Del Monte (1549-1626) e il Cenacolo culturale di Palazzo Madama”, la Fondazione ha reso chiare le finalità e gli scopi che vuole raggiungere promuovendo la Figura e le opere del Cardinale.

L'interesse principale della Fondazione è rivolto primariamente alle attività di ricerca e formazione riguardanti le problematiche culturali, politiche, scientifiche e artistiche del Tardo Rinascimento. Per quanto riguarda l'ambito artistico, l'attenzione sarà focalizzata sul recupero di chiese dismesse e di immobili inutilizzati. Sarà inoltre cura di questa istituzione porre un'attenzione particolare al “Social Senior Housing and Care”, ovvero la volontà di risolvere difficoltà sociali relative agli anziani in attinenza al problema degli alloggi e delle cure sanitarie. La fondazione darà quindi la possibilità a giovani ricercatori di promuovere vari ambiti del sapere in attinenza alle attività e agli interessi del Cardinale.

Gli scopi e gli intenti dell'istituzione sono stati presentati dai vari relatori, incluso il Presidente della Fondazione, l'Ingegnere Francesco Del Monte, alla presenza del Presidente del Senato della Repubblica Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Le volontà d'intenti esposte durante il convegno rispecchiano bene il clima creato dal Cardinale Del Monte a partire dal 1589 a Palazzo Madama. Il Cardinale creò infatti un luogo “aperto” dove importanti personalità culturali come Galileo Galilei e Caravaggio, per citarne alcune, potessero dialogare tra loro e con giovani artisti e studiosi ancora poco noti. Palazzo Madama divenne in poco tempo un centro culturale all'avanguardia sotto tutti gli aspetti, promuovendo la ricchezza del sapere interdisciplinare e una “nuova cultura” basata sull'osservazione e l'esame dei fenomeni naturalistici e artistici.

Riguardo a questo aspetto, assume particolare significato una vicenda storica riguardante il Cardinale e lo scienziato Galileo Galilei. Del Monte, profondamente interessato e affascinato da uno dei primi cannocchiali, suggerì a Galilei di provare ad impiegare il cristallo di montagna al posto del vetro per garantire una maggior qualità delle lenti e una più piacevole e proficua utilizzazione del mezzo scientifico. Galileo, dopo aver comprovato la validità del suggerimento, ringraziò il Cardinale e cominciò ad utilizzare il cristallo di montagna anziché il vetro. In seguito, dopo essere stato denunciato per eresia dal Sant'Uffizio, questo legame di amicizia e rispetto reciproco consentì a Galilei di essere apertamente e personalmente difeso dal Cardinale.

Queste testimonianze permettono di capire fin dove si era spinto il sapere, l'interesse e la conoscenza del Cardinale Del Monte. La Fondazione vuole quindi rendere omaggio a questa figura poliedrica e di grande arguzia intellettuale ricalcando, in vari frangenti sopracitati, la sua grande opera di mecenate e protettore del sapere.

di Maddalena Scarabottolo

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    palazzo madamascienziatifondazione del montecardinale del montegalileocaravaggio



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
    Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
    L'opinione di Tiziana Rocca


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.